Privacy Policy politicamentecorretto.com - PON SICUREZZA. A CASTELLANETA (TA) UN RIFUGIO PER CANI ABBANDONATI SUL TERRENO CONFISCATO AI BOSS

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PON SICUREZZA. A CASTELLANETA (TA) UN RIFUGIO PER CANI ABBANDONATI SUL TERRENO CONFISCATO AI BOSS

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


 Un rifugio per cani abbandonati gestito da ex detenuti nascerà su un terreno confiscato alla criminalità organizzata nel Comune di Castellaneta, in provincia di Taranto. Al progetto – che ha ricevuto il via libera del Comitato di Valutazione del  Programma Operativo Nazionale Sicurezza per lo Sviluppo – Obiettivo Convergenza 2007-2013 – è stato assegnato un finanziamento di 382.902 euro.
Con la realizzazione della struttura, il Comune intende sia recuperare un'area che per la sua collocazione periferica che è spesso interessata da attività illecite (conferimento abusivo rifiuti, atti di vandalismo), sia offrire a categorie deboli opportunità di lavoro e reinserimento nel circuito della legalità. Il canile sorgerà su un terreno di 11.555 metri quadri e verrà gestito da una cooperativa sociale di circa 10 persone fra detenuti ed ex detenuti. In particolare, verranno realizzati un canile sanitario capace di ospitare 30 esemplari e un canile-rifugio da 160 posti per gli animali che non hanno trovato adozione ma hanno superato il periodo di osservazione sanitaria.
Il progetto del Comune di Castellaneta rientra nell'Obiettivo operativo 2.5 del PON Sicurezza “Migliorare la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata”. Il Programma, di cui è titolare il Ministero dell'Interno – Dipartimento della Pubblica sicurezza e che è cofinanziato dall’Unione Europea, riserva, infatti, grande attenzione alla restituzione dei beni confiscati alla collettività e alla loro riconduzione nel circuito produttivo legale.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)