Privacy Policy politicamentecorretto.com - Cani Basilicata. Presidente Regione fermi deportazione ancora in atto

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Cani Basilicata. Presidente Regione fermi deportazione ancora in atto

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali/Pd

La vicenda che riguarda i trasferimenti dei cani dal canile della comunità Alto Agri di Potenza si sta risolvendo in una presa in giro di chi, tra singoli e associazioni, da tutta Italia, si e' mobilitato per impedire l’inutile ed assurdo sradicamento dei vecchi cani, ben ospitati nei canili di Potenza, verso altre strutture: una deportazione che, invece, sta continuando all’interno della regione, e che si vuole far continuare con qualsiasi modalità.
Si tratta di un trasferimento forzato, dapprima addirittura fuori regione, che da tempo è al centro di una grande polemica su vari media in tutta Italia.

Cio' che e' grave è la recente dichiarazione, del presidente della Regione Basilicata, del lieto fine della vicenda, che invece non e': la “deportazione” continua tuttora, anche se non in Calabria. In totale sono stati portati via dal canile ECO di Potenza 52 cani –di cui 27 sono attualmente a Cassano allo Jonio, e il restante al canile di Viggiano. Sappiamo che verranno prelevati in questi giorni anche i cani del canile Pippo di Potenza. La vicenda, quindi, non si è affatto chiusa, perché quello che cittadini, specialisti, veterinari e istituzioni –compresa la stessa ASL di Potenza- contestano, è lo sradicamento in sé, che è causa di inutili sofferenze e che compromette inutilmente il benessere psico-fisico dei cani. Mi preme ricordare che gli animali ospitati nei canili Eco e Pippo sono ormai anziani e, a maggior ragione, ottimamente adattati. A riguardo ho presentato ben quattro interrogazioni al Governo. Mi appello al presidente della Regione Basilicata
affinché non deluda le aspettative dei cittadini: fermi subito ogni trasferimento dei cani o, altrimenti, motivi l'utilità di strappare dalle loro “case” questi animali per spostarli in altre strutture. Necessità che, se esistesse, non potrebbe essere certo dettata da puri criteri di “risparmio” economico, a danno dei cani: gli animali non sono oggetti da “rivendere” al massimo ribasso possibile.

Qui il testo delle interrogazioni:
- http://blog.donatellaporetti.it/?p=1406
- http://blog.donatellaporetti.it/?p=1143
- http://blog.donatellaporetti.it/?p=1075
- http://blog.donatellaporetti.it/?p=621

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data norina, 20 Luglio, 2010 12:12:28
    non capisco perchè bisogna togliere i cani da un ambiente ormai proprio,perchè dobbiamo fare del male sempre a loro per una speculazione prob di soldihttp://www.cani.com/