Privacy Policy politicamentecorretto.com - 53 opere in tela che ripercorrono la storia della mafia e dell’antimafia dalla fine dell’800 fino ai nostri giorni

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

53 opere in tela che ripercorrono la storia della mafia e dell’antimafia dalla fine dell’800 fino ai nostri giorni

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

All’inaugurazione del Laboratorio della Legalità, dedicato al Giudice Paolo Borsellino, sito a Corleone all’interno dell'immobile confiscato alla famiglia Provenzano, avvenuta lo scorso 15 Agosto 2010 alla presenza di numerose autorità civili e militari, tra cui il Ministro dell’Interno Maroni, era presente anche un pezzo della società civile e culturale partinicese rappresentato dal pittore Gaetano Porcasi che in tale luogo ha esposto ben 53 opere in tela che ripercorrono la storia della mafia e dell’antimafia dalla fine dell’800 fino ai nostri giorni.


Il Laboratorio della Legalità è un ulteriore tassello che viene posto per riaffermare le condizioni di legalità in una terra difficile come la nostra che nel corso degli ultimi 50 anni ha subito danni inestimabili dalla presenza dell’organizzazione criminale denominata “Cosa Nostra” che ne ha gestito le dinamiche politiche, economiche ed amministrative con il sangue e con la forza dell’intimidazione.


Ed è in questa voglia di affrancamento dal potere mafioso che si inserisce già da qualche tempo l’attività di denuncia sociale del nostro concittadino Gaetano Porcasi, il quale attraverso le sue opere pittoriche vuole principalmente ricordare i tanti caduti per mano mafiosa.


Ciò posto, però, gli scriventi non possono esimersi dal denunciare come anche nel caso del Maestro Porcasi vale il detto “nemo profeta in patria” nel senso che le istituzioni locali non hanno mai saputo apprezzarne e valorizzarne le qualità culturali, artistiche, etiche e civili.


Conclusivamente, ricordando anche le parole del filosofo spagnolo George Santayana "Chi dimentica il proprio passato è destinato a ripeterlo", auspichiamo fortemente che anche la nostra città possa nell’immediato futuro valorizzare un suo figlio che sta già acquistando notorietà a livello nazionale ed internazionale e nell’attesa che ciò avvenga esprimiamo all’amico Gaetano Porcasi tutta la nostra stima per il suo impegno quotidiano di denuncia e RICORDO.


Partinico, lì 20/08/2010


I consiglieri comunali


Arch. Ignazio Buscio


Avv. Antonino Scianna

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)