Privacy Policy politicamentecorretto.com - A Mirabello il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, con il suo lungo ed appassionato discorso alla Nazione, ha ridato entusiasmo e speranza a tutti noi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

A Mirabello il Presidente della Camera, Gianfranco Fini, con il suo lungo ed appassionato discorso alla Nazione, ha ridato entusiasmo e speranza a tutti noi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Dopo un'estate di veleni, maldicenze, calunnie contro la sua persona, Fini e' riuscito a svegliare un intero mondo politico assuefatto al sistema e per nulla reattivo ai problemi dei cittadini.
"Il PDL non c'e piu' " ha affermato Fini, ma il PDL, a mio avviso, quale grande Partito della Nazione, non e' mai nato. La mancanza di democrazia e di confronto interno, aveva solo portato ad un agglomerato di "dirigenti", sudditi del Padrone, abdicanti alle proprie idee, pur di mantenere o conquistare poltrone.
Discorso di ampio respiro, quello di Fini a Mirabello. Momento di alta e ritrovata passione politica, ricco di passaggi in cui, con un affondo sui reali problemi del Paese, ha fatto emergere quelle purulenze che stanno incancrenendo l'Italia.
Ha risvegliato gli animi, ha richiamato alle responsabilità', ha incoraggiato alla partecipazione, ha parlato ai giovani, ha ampliato gli orizzonti, ha guardato al futuro della Nazione. Lo ha fatto con grande coraggio e determinazione, dopo un confronto costruttivo con noi parlamentari, così come dovuto in una qualsiasi democrazia partecipata.
Nessuno puo' accusarci di tradimento nei confronti delle nostre elettrici e dei nostri elettori; traditori sono coloro che non rispettano i programmi elettorali, che ignorano le parti degli stessi programmi per compiacere gli alleati, che propinano leggi ad personam, che avanzano provvedimenti non idonei a garantire la coesione nazionale.
Non siamo sicuramente noi ad aver cambiato bandiera. Per le donne e gli uomini di FUTURO E LIBERTA' la bandiera è sempre stata una ed una sola: quella italiana, per troppo tempo ammainata da tutti coloro che in questi anni hanno avuto soprattutto a cuore gli interessi personali.
Da ieri, con il discorso di Mirabello, lo scenario politico italiano e' finalmente mutato: chi fa politica o chi si accinge a farla dovrà porre a fondamenta della propria attività' etica e passione; dovrà essere presente sui territori e trovare le giuste soluzioni ai reali problemi della gente. Le donne e gli uomini di Futuro e Libertà, che sempre hanno creduto in questo modo di fare politica, lavoreranno da oggi in modo congiunto in questo senso. Fondamentale per il raggiungimento dei nostri obiettivi sarà la partecipazione di tutti i  cittadini; è grazie al loro contributo che saremo in grado di conoscere le esigenze dei territori; è grazie alle loro segnalazioni che potremo ridare un’etica alla politica, allontanando i corrotti e collusi con la criminalità' organizzata.
A ciascuno, politico o cittadino che sia, è affidato il compito di seguire in modo serio, coerente e partecipato la strada inaugurata ieri dal Presidente Fini; lo dobbiamo tutti alla nostra Italia e soprattutto alle nostre giovani generazioni.
                             On. Angela Napoli (FLI)

Mirabello, 06 settembre 2010

Invia commento comment Commenti (0 inviato)