Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini commenta la chiusura dell’Ufficio Scuola del Consolato di Dortmund

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini commenta la chiusura dell’Ufficio Scuola del Consolato di Dortmund

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Viene a mancare un importante punto di riferimento per connazionali e istituzioni tedesche”

 

“Ancora una volta non si dà ascolto alle giuste richieste della comunità italiana e si procede con la chiusura di un importante ufficio scuola a Dortmund, una delle aree a maggiore densità di presenza della nostra comunità in Germania. È rimasta senza risposta anche una mia interrogazione parlamentare con la quale ho chiesto al Ministro Frattini di tutelare gli interessi degli oltre 8 mila studenti italiani della zona e di garantire l’operatività dell’ufficio scuola”. Lo denuncia l’on. Laura Garavini, deputata PD residente in Germania, per la quale l’avvenuta chiusura di tale ufficio è “sintomatica delle politiche di questo Governo che a più riprese dimostra di non curarsi delle esigenze dei suoi cittadini nel mondo”.

 

“La decisione del Ministero degli esteri di procedere con la chiusura è un duro colpo per i nostri connazionali nel Nord Reno Westfalia”, così la Garavini. “Si vedono ora privati di un importante punto di riferimento per la diffusione della lingua e della cultura italiana, un settore vitale per l’integrazione e la crescita socio-culturale e scolastica non solo dei bambini italiani, ma anche di numerosi tedeschi. Da parte di un Governo che a ogni occasione sventola la bandiera del Made in Italy mi sarei aspettata più sensibilità nei confronti di una realtà, quella della nostra emigrazione, che contribuisce a diffondere e a promuovere l’immagine dell’Italia nel mondo”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)