Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CASA. CIOCCHETTI (UDC): NUOVO PIANO SARA’ FINALMENTE FRUIBILE. PREMIO DI CUBATURA VICINO AL 60%

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

"Nel nostro Piano Casa stiamo lavorando su alcuni coefficienti per il premio di cubatura e penso che il nostro sarà  molto vicino al 60%". Lo ha detto il Vice Presidente della Regione Lazio e Assessore all'Urbanistica , Luciano Ciocchetti, a margine dell'assemblea dell'Acer, in merito alle richieste emerse durante la relazione del presidente Batelli di innalzare il premio di cubatura al 60%.

"Non e' una proposta assurda, dobbiamo dare premialità alta perché il 30% non e' sufficiente e infatti non l'ha usato nessuno. Parlando più in generale dei punti principali del nuovo Piano Casa  si è voluta dare  la possibilità - continua Ciocchetti -   di incrementare la volumetria esistente; la possibilità  di demolire e ricostruire per una concreta sostituzione edilizia con un premio di cubatura considerevole; la possibilità di liberare  il litorale laziale  dall'edilizia per restituire la fascia costiera alla naturale fruibilità attraverso premi di cubatura significativi; favorire i cambi di destinazione d'uso verso l'housing sociale facilità nelle procedure  abbreviando i tempi per le autorizzazioni utilizzando anche la DIA”

“E’ evidente quindi che interverremo anche sulla sostituzione edilizia a cui ha fatto riferimento Batelli. Renderemo possibile iniziare a fare una grande opera di riqualificazione: anche questa parte si era resa inattuabile proprio perché non c'era una premialità sufficiente a sviluppare questa opportunità. Se non ci sono i soldi pubblici: come si riqualificano le periferie o il litorale? Solo con la demolizione e la ricostruzione e con una forte premialità in cubatura ma anche – conclude -  introducendo questi meccanismi per le opere pubbliche e l'housing sociale".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)