Privacy Policy politicamentecorretto.com - Due Mensole Medioevali ritornano dopo 35 anni nella Chiesa dell’Assunta di Castellaneta

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Due Mensole Medioevali ritornano dopo 35 anni nella Chiesa dell’Assunta di Castellaneta

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


 
 

 

 

 

E’ finita bene, si sono ritrovate... Dopo un lungo calvario durato 35 anni, ritornano alla chiesa dell’Assunta le due mensole medioevali figurate che erano state portate momentaneamente alla Soprintendenza di Bari nel 1975, cioè alla conclusione dei restauri avvenuti sotto la direzione dell’arch. Bucci – Morichi. Sono ritornate solo ora, grazie alla solerzia e caparbietà del parroco don Franco Alfarano della Chiesa di San Domenico e Rettore della Chiesa Assunta, di Franco Lagravinese e del difensore civico avv. Francesco  Garzone.
Le due mensole medievali sembravano ormai perse (come ci fa sapere il collega Franco Gigante), quando tre anni fa, per puro caso, furono rinvenute nella Cappellina del Castello Svevo, dove ha sede la Soprintendenza di Bari. Confrontate con alcune foto in bianco e nero, in loro possesso, si cominciarono le pratiche per la riconsegna ai legittimi proprietari.
È certamente il ritorno e la collocazione definitiva nel loro abitat, lì dove furono commissionate, scolpite e posizionate, si deve anche alla disponibilità di Fabrizio Vona (Soprintendente per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Puglia), alla dott.ssa Annamaria Lo Russo (direttrice del Castello) e alla dott.ssa Angela Convenuto della Soprintendenza di Taranto.
Nelle due mensole sono raffigurate due graziose figure, in atteggiamento orante, che invitano chiunque a mettersi dinanzi all’Altissimo con umiltà e adorazione.
Pezzi d’arte sotto lo sguardo e l’attenzione di chi vorrà studiarle e ammirarle. Questi pregevoli pezzi d’arte saranno riconsegnati alla Chiesa dell’Assunata (chiesa del XIV sec.in stile romanico pugliese goticheggiante ) sabato prossimo, 25 settembre. Sarà occasione per rilanciare seriamente la responsabilità di ognuno per riappropriarsi di questo patrimonio culturale-artistico e religioso. Le nuove generazioni dovranno essere i primi fruitori (le scuole saranno le prime ad essere interessate) e lo sguardo deve andare oltre in quanto sono molte le grandi risorse presenti sul territorio di Castellaneta che spesso non vengono utilizzate e rivalutate come si dovrebbe. Da ricordare che la chiesa è posta sulla gravina, grande attrattiva turistica, ma priva di itinerari sul paesaggio naturale. Anzi, la grande piazza antistante la chiesa, è spesso alla mercé di vandali e incivili che sporcano il prato portandoci i loro cani, tanto che i bambini non possono più giocarci come avveniva anni fa.
L’augurio di tutti è che l’occasione della riconsegna delle due pregevoli mensole medioevali, serva per una seria rivalutazione dell’invidiato patrimonio della città e del suo territorio.
La serata sarà arricchita dalla presenza (previsti anche i loro interventi) di Mons. Pietro Maria Fragnelli (Vescovo della Diocesi di Castellana; città sede vescovile dall’anno 1080), Mons. Cosimo Damiano Fonseca (Presidente della Commissione Arte Sacra della Diocesi), l’arch. Aurelio Miccoli, l’arch. Rosanna Franco (Presidente Arcas) e Autorità Civili e Militari.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)