Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

SANITA’: CIOCCHETTI; AVVIATA GIUSTA RIVOLUZIONE PRESIDI TERRITORIALI DI PROSSIMITA' NECESSARI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Roma 30 set - “L’emergenza della sanità del Lazio, oltre all’annoso problema del debito deve essere affrontata dal punto di vista della riorganizzazione dell’intero sistema: dalla riduzione delle Asl alla realizzazione di una rete di presidi territoriali di prossimità che coinvolgano ambulatori e medici di famiglia.  Finalmente si parla di tutto questo ;  di riconversione e non di chiusure di ospedali o tagli di posti letto.” – è quanto dichiara il vicepresidente della regione Lazio e Assessore all’urbanistica Luciano Ciocchetti -

“Bisognava decongestionare i grandi centri portando la cura delle patologie meno gravi e delle cronicità direttamente sul territorio, vicino ai cittadini. Questo è il vero risparmio  - continua - che guarda alla salute e non ai tagli indiscriminati.

“Riconvertire 2.500  posti letto per malati acuti, tra pubblici e privati, dell'intera Regione Lazio  in posti di degenza infermieristica  - aggiunge Chiocchetti - oltre ad essere un’azione  positiva è anche necessaria.”

“Questo è solo l’inizio di quella rivoluzione di sistema necessaria nel Lazio,  annunciata in campagna elettorale, e che ora grazie a questa giunta guidata dal Presidente Polverini realizzeremo.”

“Con quale coraggio oggi il centrosinistra parla di assunzione di responsabilità, di attenzione al malato-cittadino e riorganizzazione del sistema quando per cinque anni ha latitato? Montino e company  facciano solo mea culpa.”

Invia commento comment Commenti (0 inviato)