Privacy Policy politicamentecorretto.com - MARINO (PD), DA FANTETTI NESSUNA RISPOSTA E NESSUN CHIARIMENTO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MARINO (PD), DA FANTETTI NESSUNA RISPOSTA E NESSUN CHIARIMENTO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Dalla reticente dichiarazione del sen. Fantetti, non arriva nessuna risposta alle mie domande su che cosa questo Governo abbia fatto di buono per gli italiani all’estero, tanto da meritare la fiducia in Senato da chi dagli italiani all’estero è stato votato, e perché il PDL presentava mozioni di reintegro di finanziamenti tagliati”.
“È vero che non sono ‘mai passato dal vaglio democratico del voto del collegio estero’, né potrei mai passarci dal momento che, a differenza del personaggio che lui stesso rimpiazza, non mi passerebbe nemmeno per l’anticamera del cervello di falsificare certificati di residenza e chiedere alla ‘ndrangheta di farmi votare infangando le nostre comunità”.
“Quanto al ‘funzionario di partito’, cosa di cui sono orgoglioso, non c’è da commentare, dato che moltissimi nello stesso PDL sono politici di professione (e dov’è lo scandalo?), a cominciare, tanto per fare qualche nome a Fantetti familiare, da Maurizio Gasparri, suo capogruppo al Senato, o l’ex leader Fini, ora capo di Futuro e libertà fortemente critico sull’operato del Governo”.
“A proposito, mi piacerebbe sapere da Fantetti come mai, nei giorni in cui si stavano formando i gruppi parlamentari di Futuro e Liberta, andò da Fini a contrattare un posto sicuro in lista per il Senato nelle prossime elezioni. Mi risulta che si misero quasi d'accordo, poi non se ne fece più nulla”.
“E mi risulta ancora, che provò anche a entrare nell’Udc, andando alla Convencion di Chianciano a parlare con Cesa e che anche li si mise quasi d’accordo, ma ancora una volta non se ne fece nulla, guadagnandosi epiteti non molto lusinghieri da parte dello stesso Cesa…”.
“Per piacere, però, non mi dica che non è vero, costringendomi a smentirlo e ad aggiungere nuovi particolari. Spieghi, piuttosto, ai suoi elettori, come mai ci ripensò, magari le motivazioni a base del ripensamento sono più dignitose di una improbabile smentita delle mie affermazioni”.

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 07 Ottobre, 2010 15:18:38
    Lo scandalo , visto che lei lo chiede, sta nel fatto che il voto cosi´per come é permette brogli. Ovviamente leggendo tutte le proposte comprese le vostre si nota chiaramente che si vuole mantenere il voto per brogli.Quello che invece noi chiedamo é un voto onesto.Ma si sa non appena si toccano i propri interessi si incomincia a cambiare discorso. Carissimo Marino se lei vuole dimostrare che a nel cuore sia l´onesta e sia gli interessi degli italiani all´estero.Incomincia a tirare le orecchie anche ai suoi.