Privacy Policy politicamentecorretto.com - Senato: si cancelli una delle tante discriminazioni tra figli naturali e legittimi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Senato: si cancelli una delle tante discriminazioni tra figli naturali e legittimi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Radicale, Donatella Poretti

Non tutti i figli sono uguali e la legge italiana fa scontare a loro le colpe e i peccati dei genitori. E' questo il senso del nostro codice civile quando distingue i figli naturali e quelli legittimi, quando permette discriminazioni ereditarie o quando arriva perfino a negare lo status filiationis ai figli nati da relazioni incestuose.
Tra le differenze non più sostenibili c'e' quella dei tribunali diversi che trattano le questioni dei figli. Cosi' accade che quando due genitori si separano le loro responsabilita' reciproche e nei confronti dei figli vengono trattate dal tribunale ordinario se i genitori erano sposati, se non lo erano il tribunale di riferimento e' quello dei minorenni, perfino con riti diversi non esistendo alcuna norma sulle coppie di fatto e le unioni civili.
Esistono anche problemi pratici che forse e' utile ricordare.
Basti solo pensare che i Tribunali ordinari sono 165, ben più delle province, i Tribunali per i minorenni sono 29, sedi distaccate incluse, ossia hanno una distribuzione sostanzialmente regionale. Questo significa che molto spesso la coppia che si separa:
- presumibilmente avrà tempi di attesa più lunghi;
- deve spostarsi per accedere al tribunale;
- deve scegliere l'avvocato a caso, in una città che non è la propria;
- oppure deve pagare la trasferta al proprio avvocato locale;
- oppure deve pagare il proprio avvocato e in più l'avvocato domiciliatario.
Portare ogni problema attinente ai figli minori, legittimi o naturali, davanti allo stesso tribunale e' un atto dovuto da parte del legislatore per cancellare le discriminazioni esistenti, per cui sosterremo l'approvazione del ddl sulla potesta' genitoriale oggi all'esame dell'aula.
A questo link (http://blog.donatellaporetti.it/?p=1752) gli emendamenti e gli ordini del giorno presentati al ddl Modifiche al codice civile in materia di potesta’ genitoriale (AS n. 1211 e 1412) con il senatore Marco Perduca:
- sulla responsabilita’ genitoriale e per la modifica dell’art. 155 c.c. sull’affido condiviso;
- per i diritti dei figli naturali e la loro uguaglianza con i figli legittimi;
- per i diritti dei figli incestuosi e la loro riconoscibilita’.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)