Privacy Policy politicamentecorretto.com - CCSVI. Cosa si aspetta a riconoscere la patologia e la terapia anche in Italia?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CCSVI. Cosa si aspetta a riconoscere la patologia e la terapia anche in Italia?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicale

Recentemente, il prof. Paolo Zamboni, cardiochirurgo dell'Università di Ferrara, ha identificato una ricorrente variazione cronica delle vene giugulari, all'origine di eziogenesi patologiche, denominata CCSVI (Chronic Cerebro Spinal Venous Insufficiency - Insufficienza venosa cronica cerebro spinale. La stessa è una malattia vascolare che consiste in stenosi mal formative di varia foggia che colpiscono le vene giugulari interne e altre vene cerebrali, determinando il mancato deflusso del sangue venoso con accumuli di materiali anche nocivi per il sistema nervoso centrale. Mentre si sta studiando e sperimentando se esiste una connessione tra la CCSVI e la sclerosi multipla, la CCSVI è stata già riconosciuta internazionalmente come patologia e ne sono state accettate sia la diagnosi che la terapia come definite dal prof. Zamboni, tanto da essere inserite nella Consensus Conference mondiale dei chirurghi vascolari presieduta dal prof. B.B. Lee, Georgetown University, Washing
 ton, e
votata da 47 Paesi all'unanimità lo scorso settembre a Monaco. La terapia riconosciuta internazionalmente è l'angioplastica dilatativa, una procedura consolidata da 25 anni di pratica, mininvasiva, con rischi bassissimi secondo tutta la letteratura esistente.
Nel nostro Paese, non risulta ancora riconosciuta ne' la malattia e ne' la terapia, per queste ragioni, con il collega Marco Perduca, abbiamo rivolto un'interrogazione al Ministro della Salute, per sapere:
- perchè ancora in Italia non sia identificata e non sia possibile curare la CCSVI quale patologia riconosciuta, all'interno di un percorso strutturato e dei protocolli terapeutici accettati a livello internazionale dalla comunità scientifica sulle malattie vascolari;
- se il ministro non intenda inserire nei LEA la diagnosi e il trattamento terapeutico di tale patologia.

Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=1779

 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Puccio, 14 Ottobre, 2010 14:27:51
    Credere che la scoperta della nuova patologia sia unmiracolo e imduca i malati di SM ad abbandonare la cura farmacologica tradizionale è un grave errore; ma il non riconoscere la CCSVI come una iportante patologia ela cura quanto tale, è un altro grave errore. Si è venuto a creare una situazione in cui ha favorito l\'ostica presa di posizione da parte di molti professionisti sul campo, a scapito di una attenta analisi, da parte di questi, in merito alla vera questione. La CCSVI è una severa patologia vascolare e come tale deve essere curata?
  • Inviato in data Pino Cucci, 14 Ottobre, 2010 11:13:44
    è forse troppo poca costosa la soluzione trovata? di farmaci con pesanti effetti collaterali e senza neanche la guarigione, nè stabilizzazione, non sappiamo che farcene! e ci costano pure molto.