Privacy Policy politicamentecorretto.com - L’on. Garavini commenta la querela che il Ministro Maroni ha annunciato nei suoi confronti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L’on. Garavini commenta la querela che il Ministro Maroni ha annunciato nei suoi confronti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Non mi faccio intimorire – più decisa che mai nella lotta alle mafie”

 

“La reazione del Ministro Maroni, che ha annunciato di volermi querelare per una mia dichiarazione politica, dimostra che abbiamo toccato un nervi scoperto: quando una parla senza veli delle colpe del Governo nella lotta alle mafie, al Ministro saltano i nervi”. A dirlo è l’on. Laura Garavini, capogruppo del PD in Commissione Antimafia.

 

“I fatti sono chiari”, così la deputata, “è basilare che il Ministro degli interni fornisca alla Commissione Antimafia tutti i dati di cui abbiamo bisogno per agire contro la piaga della criminalità organizzata e contro gli squallidi intrecci tra mafia e politica, un problema particolarmente presente nei partiti di Governo. Se non lo fa, non si deve stupire che questo venga denunciato ad alta voce dall’opposizione. Le sue minacce mostrano solo l’impotenza politica di questo Governo. Personalmente non mi faccio intimorire, bensì continuerò il mio lavoro con ancora più impegno. Lo dico e lo ripeto: il Ministro Maroni non sostiene in modo sufficiente il lavoro della Commissione Antimafia. Tante prefetture fino all’altro ieri non ci avevano fornito le informazioni richieste, questo rende impossibile un lavoro efficace della Commissione Antimafia. La responsabilità politica è di Maroni, che ora si mette ad annunciare denunce contro esponenti dell’opposizione. È solo una manovra diversiva per coprire le sue responsabilità”.

 

“Ringrazio delle dichiarazioni di solidarietà che mi sono arrivate”, dice la Garavini. “Al ministro Maroni ricordo solo che anche numerosi suoi colleghi di maggioranza componenti della Commissione Antimafia, in primo luogo lo stesso Presidente Pisanu, hanno denunciato l’insufficiente lavoro delle prefetture. Il Ministro Maroni anziché parlare di querele o di vie legali farebbe meglio a fare sul serio nella lotta alle mafie”.

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 14 Ottobre, 2010 18:21:23
    Veramente le parole sono un po´ pesanti , ma Lei non dice il motivo della denuncia. Cara onorevola, non si puo sempre parlare a vanvera. Poi finisce che uno si ci abitua e perde il controllo di se stesso e non comincia piu a distinguire e pesare le parole. Quello che si dice si deve dimostrare, altrimenti si chiama calunnia.Credo che almeno di questo lei si rende conto. Anche nell´articolo di sopra dice delle cose un po´ bruttine che se Lei non puo dimostrarle, qualche avvocato gli mangerá tutti i soldini guadagnati onestamente da Parlamentare. Tuttavia le ricordo che piu di una volta le avevo consigliato di farsi una cultura di cosa é la mafia e come si manifesta. Si sarebbe accorta che anche altrove c´e´mafia.Non so , forse per lei il Mafioso e solo quello che spara con la lupara. Il Mafioso , puo essere anche un Cardinale, un prete , un assessore un proprietario terriero ,uno che sta seduto dietro la scrivania.Uno che controlla gli appalti e i voti.Lei l´ha presente la mafia tedesca ? La stessa cosa succedeva 50 anni fa nel Sud.Mentre in America li chiamano " gli intoccabili", e ci hanno fatto pure un film. Pensi che 25anni orsono in un paese non molto distante dal mio, avevano arrestato una donna ritenuta mafiosa.Ecco,pensi 25 anni nella Sicilia di volevo i Pantaloni. Si controlli, sarebbe un peccato farsi mangiare soldi dagli avvocati che per giunta sono cari e se poi lo trova padano e il giudice pure.E´bella e sistemata.
  • Inviato in data Carmine Gonnella, 14 Ottobre, 2010 13:27:51
    francamente Onorevola carissima se fossi in Lei non mi preuccuperei piu di tanto. Non credo che un "ministro" della Repubblica Padana ha la facolta' di denunciare un cittadino italiano. Sig. Maroni mi sono appena immunizzato....