Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “Ingiustificato l’ottimismo del Governo sulla chiusura dell’Ufficio Scuola di Dortmund”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “Ingiustificato l’ottimismo del Governo sulla chiusura dell’Ufficio Scuola di Dortmund”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 

“La risposta che il Sottosegretario Sen. Mantica ha dato alla mia interrogazione sull’Ufficio Scuola del Consolato di Dortmund, oltre ad arrivare con il consueto ritardo più o meno semestrale, è caratterizzata da un ottimismo che non trova riscontro nella realtà.” È quanto dichiara l’on. Laura Garavini a proposito della sua interrogazione presentata lo scorso 17 maggio, nella quale esprimeva grande perplessità per l’accorpamento del detto Ufficio Scuola a quello di Colonia e profonda preoccupazione per il conseguente indebolimento delle molteplici attività di servizio e di assistenza alla nostra comunità.


 

“Non sappiamo, infatti – continua la Garavini – a che cosa il Sottosegretario leghi la sua convinzione che nulla stia cambiando in quella circoscrizione consolare. Le notizie che ci giungono dalla comunità locale ci dicono proprio l’inverso. È vero che il dirigente scolastico continua ad assicurare una presenza a Dortmund, ma è vero anche che questa è limitata a un giorno a settimana e quindi non può essere che residuale rispetto all’impegno complessivo del funzionario. A questo punto sarebbe quantomeno opportuno potenziare il ruolo di consulenza degli enti gestori che devono rimpiazzare l’Ufficio Scolastico che chiuso.”

 

“Inoltre, visto che le pratiche inerenti al riconoscimento dei titoli di studio e di altre attestazioni sono state delegate a un altro funzionario del Consolato, è concreto il rischio di sovraccarico d’attribuzioni.”

 

“Anche la situazione di Dortmund – conclude l’on. Garavini – dimostra come l’azione del Governo mini gli interessi vivi dei nostri connazionali e ostacoli l’integrazione delle giovani generazioni.”

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 21 Ottobre, 2010 18:46:48
    I titoli di studio italiani vengono riconosciuti dal Regierungspräsident. Mentre quelli stranieri , in Italia , vengono riconosciuti da un Ente italiano.Di quale integrazione Lei sta parlando.È lo Stato ospitante che promuove l´integrazione con soldi EU.Non lo sapeva ? si informi con le sue conoscenti di Colonia. Il problema é che lei fa pura propaganda Politica.Saluti