Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini in Svizzera con il Gruppo Migranti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini in Svizzera con il Gruppo Migranti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Garavini (PD): “Dal PD un’alternativa alla politica dei tagli indistinti del Governo”

 

“Dagli italiani in Europa arrivano forti lamentele nei confronti della politica irresponsabile del Governo. È per questo che il PD continua a contrastare i tagli irrazionali e indistinti del Governo.” Lo ha detto l’on. Laura Garavini al termine della Giornata del Sindacato UNIA a Zugo (Svizzera). Parlando della situazione politica italiana, la deputata si è però detta altrettanto convinta che “anche in Italia si sente sempre più l’urgenza di un’alternativa riformista di sinistra come il PD: un partito realista e forte, vicino alla gente che lavora, alla gente semplice, alle gente onesta”.

 

Una valutazione, quella della Garavini, pienamente condivisa dai vari esponenti del mondo sindacale. Pietro Panico, dell’UNIA di Zugo, ha infatti insistito “sull’insufficiente attenzione e informazione offerta dal mondo politico italiano sulla grave crisi economica”.

 

“Una crisi che non ci siamo ancora lasciati alle spalle” ha avvertito Renzo Ambrosetti (Copresidente del Sindacato UNIA a Berna) evidenziando il “ruolo fondamentale delle forze sociali che, mai come in questa occasione, devono dimostrarsi compatte nel tutelare i diritti dei lavoratori”.

 

Dino Nardi (coordinatore europeo della UIM e consigliere del CGIE) ha sottolineato il ruolo fondamentale esercitato dai Patronati. “A fine anno scade il condono fiscale svizzero. Anche gli immigrati italiani potrebbero avvalersene per regolarizzare eventuali redditi o immobili in Italia mai dichiarati. Siamo disponibili a fornire informazioni e assistenza. È infatti opportuno non fare ricadere le multe sui propri figli al momento della successione ereditaria.”

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 26 Ottobre, 2010 14:38:55
    Credo che l´articolo si commenta da se. Una parla di Politica irresponsabile sui tagli e si propone come i miracolatori in alternativa al Governo attuale.. Il dirigente sign. Panico (UNIA), molto piu onesto nelle sue affermazioni e lo dimostra affermando che la crisi c´é mentre il resto a riguardo l´informazione gli ricorderei che a tanti gli piace ascoltare quello che piu gli conviene. Oltre alla male interpretazione degli articoli giornalistici scritti, sembra, per una parte di italiani all´estero. La crisi viene riconfermata anche dal sign. Ambrosetti.(Copresidente del Sindacato UNIA a Berna) . Mentre il consigliere CGIE , forse dimenticando le sue ultime affermazioni scritte in diversi comunicati. Rigira la responsabilitá di omesse omissioni che hanno fatto si che l´INPS oggi invita i pensionati alla cassa. Infatti adesso parla condono fiscale Svizzero mentre per l´ Italia rigira la colpa all´INPS. Chiaramente sa che le leggi Svizzere sono diverse da quelle italiane.In Svizzera sono molto ad attuare le leggi di corresponsabilitá sul dolo voluto o no, dell´assistito. Ma la domanda che rivolgo a tutti e la seguente: ma gli emigrati italiani , hanno tempo per seguire tutto questo Bazar ?. Ma é su questo Bazar che il commerciante fa buoni affari.Purtroppo voi del PD(oggi) Unione(ieri), queste cose le sapete. Siete presenti sul territorio estero da almeno 40anni