Privacy Policy politicamentecorretto.com - Berlusconi con quale faccia va al Forum delle famiglie?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Berlusconi con quale faccia va al Forum delle famiglie?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

Bersani attacca il premier: "Non faccio moralismo, la politica deve avere la coerenza e la dignità di cui parla la Costituzione" (video)

'E' giusto che Berlusconi vada al Forum delle famiglie? Non e' una domanda da poco. E non e' una domanda sul moralismo ma per la politica che deve avere la coerenza e la dignita' di cui parla la Costituzione''.

Domanda e riflessione che il segretario del Pd Pier Luigi Bersani ha rivolto in serata ai partecipanti al convegno ''Dare risposte alle famiglie: una politica oltre gli slogan'' organizzato dal forum della famiglia del Pd insieme all'Area welfare.



''Noi pensiamo - ha aggiunto Bersani - che la correttezza della politica sia un'eccedenza della correttezza personale come la carita' e' un'eccedenza della giustizia. Come il camionista deve avere la patente C anche la politica deve avere la patente di un certo civismo e dignita'''.

Se il camionista deve avere la patente, ha ribadito Bersani, ''anche il politico deve avere la sua patente civica altrimenti i vizi privati non solo diventano compatibili con le pubbliche virtu' ma ne diventano anche la condizione''.

E allora questo politico -ha sottolineato Bersani- puo' presentarsi e dire ''sono come gli italiani, sono come loro, li interpreto: ho evaso anch'io, per me la donna e' il riposo del guerriero, i gaY? vanno ridicolizzati; un minore? lo salvo per salvare me stesso e poi lo lascio per strada in mezzo a tutti questi benefattori che girano. Ma cosi' tutto questo sta diventando una piattaforma politica e culturale! Tutto questo porta ad un populismo regressivo e noi vogliamo rassegnarci?''.

''Noi a tutto questo non ci stiamo. Noi -ha proseguiro Bersani- conosciamo altri italiani, persone per bene. Per noi le tasse si pagano, i minori si rispettano, i gay non si disprezzano e le donne si trattano come Dio comanda!''.

''Noi dobbiamo dirlo fuori dai tatticismi della politica che mi hanno rotto lescatole: faremo del tutto -ha affermato Bersani- per suscitare una reazione, una indignazione di fronte a questa degenerazione. Altrimenti, ricordiamolo, basta un 38 per cento di persone che la pensano cosi' per portare l'Italia dove non vogliamo''.

''Se il meccanismo e' vizi privati e pubbliche virtu', fai quello che ti pare basta che mi dai qualcosa... non solo ottieni una devastazione civica ma corporativizzi la societa': ognuno pensa a se', si perde il senso del collettivo e il Paese allora dove va?''.

Ma non e' solo una questione di morale personale, ha fatto osservare Bersani con chiaro riferimento alle note vicende di questi giorni, e' anche politica ''perche' Berlusconi ha smantellato anche quel poco di politiche per la famiglia che c'era''. Dunque, ha concluso Bersani, ''con che faccia Berlusconi lunedi' va al Forum delle famiglie?''.


Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella, 05 Novembre, 2010 12:19:50
    Ricordo a Bersani che l'Italia non e' ancora un premierato e forse sarebbe meglio chiamarlo Presidente di un Consiglio Nominato. E' un errore che facciamo un po' tutti