Privacy Policy politicamentecorretto.com - Garavini (PD): “I corsi d’italiano all’estero indispensabili per l’immagine e l’economia del paese”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Garavini (PD): “I corsi d’italiano all’estero indispensabili per l’immagine e l’economia del paese”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Dal Pd un’interrogazione sul trasferimento dell’ENIT di Monaco

  

“Il trasferimento dell’Ente Nazionale del Turismo di Monaco di Baviera nella sede del locale Istituto Italiano di Cultura avrebbe implicazioni molto gravi. C’è il rischio che siano i corsi di italiano a pagare le conseguenze di questo trasloco.” È questo l’avvertimento dell’on. Laura Garavini che ha presentato al MAE un’interrogazione sottoscritta da tutti i deputati eletti all’estero del PD.

 

“L’immobile in questione” spiega la Garavini “comprende le aule in cui vengono effettuati i corsi d’italiano. Non dispone fisicamente di uno spazio libero idoneo a soddisfare le esigenze dell’ENIT”.

 

“A meno che il MAE non voglia trasferire l’ente sull’isola che non c’è.” La preoccupazione della Garavini riguarda ciò che il trasferimento potrebbe sottendere. “ Non vorrei che si pensasse di ‘guadagnare spazio’ sacrificando proprio i corsi d’italiano. Sarebbe una scelta sciagurata perché in una zona economicamente strategica come quella di Monaco, i corsi rappresentano uno strumento fondamentale per promuovere la cultura e l’immagine italiana e costituiscono un punto di riferimento imprescindibile per chi vuole avvicinarsi alla nostra cultura e per chi non la vuole perdere.”

 

"Quasi la metà delle entrate finanziarie dell’Istituto derivano proprio dai corsi di lingua" sottolinea la Garavini che sa bene come i fondi versati dal Ministero riescano a stento a coprire le spese ordinarie. "Abolire i corsi significherebbe impedire all’ente di esercitare la sua funzione d’organizzazione e di promozione delle attività culturali.”

 

“Le grandi potenze" ha concluso la Garavini, "hanno capito da tempo che buona parte del potere economico di una nazione dipende da quanto riesce a diffondere la propria cultura all’estero. Questo Governo, invece, sembra fare di tutto per affossare l’immagine del paese e della nostra cultura."

 

 

Roma, 15 novembre 2010

 

 

 

Ufficio dell’onorevole
Laura Garavini
Camera dei Deputati
Piazza San Claudio 166
00187 Roma
Tel. +39 06 6760 6156
Garavini_L@camera.it
www.garavini.eu

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 15 Novembre, 2010 14:54:20
    In poche parole si deve mantenere questa scuola per fare lezioni d ítaliano a chi non é italiano, ovviamente a pagamento.E´le Volksprachenschule ?. sono sue le parole:punto di riferimento imprescindibile per chi vuole avvicinarsi alla nostra cultura e per chi non la vuole perdere.”.Ma non gli sembra un po´ stonata la cosa?.