Privacy Policy politicamentecorretto.com - Riprendono in Puglia per il secondo anno consecutivo gli “Incontri in Archeogruppo”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Riprendono in Puglia per il secondo anno consecutivo gli “Incontri in Archeogruppo”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Per il secondo anno consecutivo, riprendono gli “Incontri in Archeogruppo” a cura dell’Archeogruppo “Espedito Iacovelli” di Massafra (Taranto), centro di ricerche e studi storici, artistici, archeologici ed ambientali. Il primo appuntamento di questo nuovo anno sociale (2010/2011) si terrà giovedì 25 novembre 2010 alle ore 19.00, presso lo Spazio Culturale Domenico Mastrangelo in via Ladiana n. 2 a Massafra, sul tema “Gli ingegneri in età ellenistica e il mistero di Antikythera”. In genere, si considera la figura dell’ingegnere come il frutto dell’era moderna e della rivoluzione industriale, ma la realtà è diversa. Dopo la morte di Alessandro Magno, nel 323 a.C., la cultura greca, munita di strumenti raffinati ed efficaci per l’analisi del pensiero, si diffonderà nei territori dell’ex-impero e giungerà in contatto con la millenaria cultura mesopotamica ed egiziana, che avevano sviluppato una primitiva cultura tecnologica, basata sull’approccio empirico. Dalla fusione sinergica tra queste culture differenti si svilupperà una vera e propria rivoluzione scientifica e tecnologica, che si inquadra nel fenomeno più ampio dell’ellenismo e che vedrà come protagonisti, tra gli altri, ingegneri del calibro di Ctesibio, Filone di Bisanzio, Archimede ed Erone. Il meccanismo di Antikythera, trovato casualmente agli inizi del ‘900 nel relitto di una nave affondata in prossimità della piccola isola di Cerigotto, è la testimonianza più concreta della capacità scientifica e tecnologica raggiunta dalla civiltà ellenistica e ci racconta di scoperte lontane e ingegneri validissimi, che, dopo più di duemila anni, non possiamo non sentire vicinissimi proprio al nostro spirito di uomini tecnologici moderni.
Relatore della serata sarà l’ing. Antonio Tagliente. Laureato in Ingegneria elettronica presso il Politecnico di Torino, dove ha superato anche l’Esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione, ha frequentato poi il corso di Project Management presso la Scuola di Direzione Aziendale dell’Università Bocconi di Milano. Dopo un’esperienza di lavoro sulle coste del Mar Rosso (Arabia Saudita) nella costruzione di una centrale elettrica e di un dissalatore multistadio, è rientrato in Italia, lavorando prima in Sicilia (nella costruzione di moduli off-shore per la ricerca di gas metano nel Mar del Nord) e poi a Verona e a Milano (nella progettazione e costruzione di impianti di cogenerazione per la produzione contemporanea di energia elettrica e termica). È attualmente Dirigente tecnico presso il gruppo Ravagnan Spa, di Padova, leader nel settore del Trattamento Acque Industriali sia in Italia e sia all’estero (Francia, Spagna, Germania, Russia, Messico). Ricopre anche l’incarico di Amministratore Delegato della Ravagnan Gestione Impianti, una delle società del gruppo e di coordinatore tecnico della Tecoelettra srl, società operante nel settore dell’impiantistica elettrica e dell’automazione industriale. È iscritto all’Ordine degli Ingegneri ed è Consulente Tecnico d’Ufficio presso il Tribunale di Taranto. Appassionato, sin da studente, di storia della scienza ed in particolare di storia dell’ingegneria, ha già tenuto due conversazioni, entrambe organizzate dagli Amici dei Musei, presso il Museo Archeologico di Taranto: una dal titolo “Leonardo da Vinci e gli ingegneri del suo tempo” e l’altra “Gli ingegneri in età ellenistica e il mistero di Antikythera” che ci riproporrà appunto in questo incontro. Dall’anno 2005 è socio degli Amici dei Musei di Taranto. Per informazioni: www.archeogruppo.it

Invia commento comment Commenti (0 inviato)