Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Calabria-Lombardia, un ponte per la legalità", se ne discuterà a Pavia il prossimo 27 novembre alle 9.30, per iniziativa del Partito Democratico.

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Calabria-Lombardia, un ponte per la legalità", se ne discuterà a Pavia il prossimo 27 novembre alle 9.30, per iniziativa del Partito Democratico.

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Si confronteranno parlamentari del nord e del sud, operatori del mondo giuridico,esperti, uomini di cultura.


Il tema è di grandissima attualità, anche alla luce delle recentissime inchieste che confermano l'espandersi prepotente della 'ndrangheta nelle regioni del nord Italia. Per quanto ha recentemente denunciato lo scrittore Roberto Saviano in TV.

 

Ospiti dell' iniziativa saranno:

·         il deputato calabrese Franco Laratta,

·         lo scrittore-attore e consigliere regionale lombardo Giulio Cavalli,

·         il segretario Filt Pavia Giovanni Romanelli.

 

Interverranno gli onn. Daniele Bosoni e Angelo Zucchi

Coordina Mario Portanova, giornalista scrittore

Introdurrà i lavori  l'avv. Milena Filella responsabile Commissionen Giustizia e Antimafia del Pd di Pavia.

 

Secondo l'on. Franco Laratta (già Membro della Commissione parlamentare Antimafia):  "Tutti hanno sottovalutato il grido d'allarme che noi del pd abbiamo lanciato in più occasioni: la ndrangheta ha ormai conquistato buona parte delle regioni del Nord, fa affari e malaffari, è penetrata nelle istituzioni, controlla fette importanti dell'economica e dell'impresa del nord.
Il Governo e il  Ministro Maroni non possono far finta che nulla sia accaduto in questi anni, che la ndrangheta sia un fenomeno criminale meridionale.


Non è così e lo sapevamo da molti anni.


La ndrangheta calabrese, rimane con la centrale operativa di comando in Calabria, ma ha sedi in molte regioni italiane e in diversi Paese Europei e centro-americani.  E' la più grande società criminale del mondo".

 

Di tutto ciò si parlerà sabato 27 a Pavia

Invia commento comment Commenti (0 inviato)