Privacy Policy politicamentecorretto.com - La Garavini boccia il Ddl Gelmini e chiede provvedimenti contro la fuga dei cervelli

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La Garavini boccia il Ddl Gelmini e chiede provvedimenti contro la fuga dei cervelli

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Garavini (PD): “Internazionalizzazione degli atenei, chiave delle sfide future”

“Nel campo della scienza e della ricerca è fondamentale puntare sull’internazionalizzazione. Solo così è possibile concorrere nella competizione globale.” A dirlo è l’on. Laura Garavini, intervenuta in aula sulla riforma dell’Università, per illustrare il suo emendamento volto a “favorire il rientro di ricercatori che lavorano all'estero da almeno tre anni”.

“Sostenere il rientro dei nostri cervelli può rappresentare una vera boccata d’ossigeno per il nostro sistema universitario, molto deficitario dal punto di vista dell’internazionalizzazione.”

La maggioranza, approfittando anche dell’astensione dell’UDC, ha respinto l’emendamento. “I colleghi del Pdl non hanno colto l’occasione di dimostrare sensibilità per il problema della fuga dei cervelli. D’altronde sembra che in questi giorni siano più presi dalle loro spaccature interne che non dai contenuti concreti della legge di riforma Gelmini.”

Sulla riforma la deputata italo-tedesca non risparmia critiche al provvedimento del Ministro dell’Istruzione. “Pur presentando qualche aspetto positivo, nel suo complesso la riforma è da bocciare. Non si può fare una riforma che umilia e snobba il lavoro di migliaia di ricercatori che vivono da anni nella precarietà e nell’incertezza.”

Nel corso dell’iter parlamentare, in Commissione Cultura, era stato invece accettato un altro emendamento presentato dalla Garavini, volto ad estendere i premi di studio anche alle esperienze realizzate presso università e centri di ricerca stranieri.

Roma, 25 novembre 2010

Per visualizzare l’intervento in aula: http://webtv.camera.it/portal/portal/default/Assemblea?NumeroLegislatura=16&NumeroSeduta=401&IdIntervento=233611

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)