Privacy Policy politicamentecorretto.com - La mancata istituzione di nuovi ordini professionali è una buona notizia per il mercato!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La mancata istituzione di nuovi ordini professionali è una buona notizia per il mercato!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Un provvedimento ereditato dal Governo Berlusconi che prevedeva l'istituzione di nuovi ordini professionali in campo sanitario, che avrebbe dovuto trovare piena realizzazione con il Governo Prodi, si e' per fortuna arenato nelle pastoie dell'ultimo stralcio di legislatura.
Questa vicenda e' una cartina al tornasole per testare in pratica la politica liberale di un Governo. Quando il Governo Berlusconi aveva varato il provvedimento, l'Autorità garante della concorrenza e del mercato espresse un parere negativo: l'istituzione di nuovi ordini professionali avrebbe determinato una restrizione della concorrenza  causando limitazioni all'entrata di nuovi operatori, e di conseguenza un aumento dei costi e dei servizi senza garantire la qualita' degli stessi. Un colpo al mercato, un colpo ai consumatori e agli utenti in particolare del sistema sanitario. Un favore al sistema corporativo che limita le possibilita' di sviluppo del mercato del lavoro italiano.
Il Governo Prodi avrebbe potuto invertire la rotta decidendo di non istituire nuovi ordini e ripensare nel suo complesso la materia, invece aveva preso tempo e rimandato la decisione. Purtroppo non ci eravamo illusi troppo perche' al momento del voto in aula aveva respinto un mio ordine del giorno che lo impegnava a tenere conto di quel parere dell'Autorita' (1). Poi gli sviluppi della crisi e dello scioglimento del Parlamento lo avevano portato ad esercitare quella delega per l'istituzione dei nuovi ordini e in parte a subire il pressing delle categorie professionali interessate. Per fortuna il mancato accordo in Parlamento dei gruppi ha fatto saltare tutto. Ora l'eredita' e' nelle mani della nuova legislatura e del nuovo Governo. Tutti liberali in campagna elettorale, tutti corporativi al momento di legiferare? Questa vicenda potrebbe essere un discrimine importante.

(1) http://www.donatellaporetti.it/prop.php?id=499

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)