Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

SANITA’: CIOCCHETTI; "VILLAGGIO EUGENIO LITTA STRUTTURA D’ECCELLENZA DI QUESTA REGIONE"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Roma, 6 dic - “La Struttura, Villaggio Eugenio Litta,  inaugurata nel 1974 e accreditata con la Regione Lazio per 45 posti  in regime Residenziali, 95 Semiresidenziali e 125 Ambulatoriali è l’esempio concreto di come  molte strutture siano di fatto un vero e proprio fiore all’occhiello e struttura d'eccellenza di questa regione.” – è quanto scrive in una nota il Vice Presidente della regione Lazio Luciano Ciocchetti  dopo la visita  presso l'eccellente  Centro di Riabilitazione Villaggio Eugenio Litta di Grottaferrata insieme  al Direttore Generale P. Albino Scalfino, al Direttore Sanitario Dr.ssa Cristina Chionetti, al Responsabile dell'Ufficio Relazioni Istituzionali e Progettazione Sociale Dr. Angelo Di Bernardo , all'Architetto Roberto Giunchiglia,al Responsabile dell'Ufficio Risorse Umane Roberto Frustaci e  al Responsabile dell'Ufficio Programmazione e Contabilità Bruno Tribioli.

“Ho voluto citare gran parte dei professionisti che lavorano nella clinica – continua Ciocchetti -  perché mi ha molto colpito la professionalità e la passione, che anche in regime di ricovero a tempo pieno, viene messa in campo  per assistere e curare ogni paziente. La necessità del ricovero nel settore residenziale è legata spesso alla difficoltà di gestione del paziente in famiglia e in funzione delle sue problematiche mediche. Per tale motivo, la prima risposta del “Villaggio” è quella dell’accoglienza, la possibilità di prendersi cura del ragazzo, dei bisogni delle famiglie, condividendo difficoltà, risorse e progetti riabilitativi.”

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)