Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini ospite di RaiTre spiega cosa si nasconde dietro al gioco d'azzardo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini ospite di RaiTre spiega cosa si nasconde dietro al gioco d'azzardo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Garavini (Pd): “Gioco d’azzardo: veleno per gli italiani, nettare per le mafie!”

 

“Ci sono aree del paese in cui il 100% delle slot-machines è controllato e manomesso dalla criminalità organizzata. La possibilità di vincere è così di fatto azzerata, ma tanto più è stringente la crisi economica, quanto più si è mossi dalla disperata illusione di vincere. È un problema serio, il gioco è ormai diventato un malessere che colpisce proprio i più indigenti.” Lo ha detto l'on. Laura Garavini, capogruppo Pd in Commissione Antimafia, ospite ieri mattina ad “Agorà”, il programma di Edoardo Vianello in onda su RaiTre, insieme alla scrittrice Carlotta Zavattieri, a Gennaro Parlati, direttore dell’Associazione Nazionale Costruttori Macchine Intrattenimento, e a Mario Baccini, deputato del Pdl della Commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione.

 

Secondo la deputata lo Stato dovrebbe tutelare con più decisione i cittadini dal gioco d’azzardo, un fenomeno che rischia di diventare una vera piaga sociale. “Per quello che riguarda le Slot-machines, i dati dimostrano che Stato e cittadini sono entrambi vittime di una gigantesca truffa della criminalità organizzata. L’evasione fiscale derivante dal mancato collegamento delle slot-machines ai monopoli di Stato ammonta a 55 miliardi di Euro.”

 

“Nel corso del 2010” ha continuato la commissaria Antimafia “una trentina d’indagini hanno fatto emergere il business delle mafie nel settore del gioco. Infiltrazioni che interessano indistintamente tutto il territorio nazionale e che fanno della criminalità organizzata un vero e proprio gestore del gioco lecito e illecito.”

 

Laura Garavini ha quindi sottolineato l’esigenza di elaborare delle proposte normative capaci di tutelare il risparmio delle famiglie e di sottrarre alle mafie una delle più importanti fonti di guadagno. “La definizione di gioco o intrattenimento è ingannevole” ha concluso la deputata. “Dietro si nasconde una vera e propria malattia che devasta le persone e la collettività.”

 

Roma, 10 dicembre 2010

 

Per vedere la puntata di Agorà dedicata ai "Giochi pericolosi": http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-9ff0a3de-7ff6-48f8-9242-0b1a9ef8d54f.html#p=0

 


Ufficio dell’onorevole
Laura Garavini
Camera dei Deputati
Piazza San Claudio 166
00187 Roma
Tel. +39 06 6760 6156
Garavini_L@camera.it
www.garavini.eu

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 10 Dicembre, 2010 13:48:11
    Daccordo solo che é una malattia ma anche nello Stato dove la cara Onorevole e´iscritta al registro AIRE.LO Stato controlla il gioco delle macchinette. Ma la domanda e´ : prima chi li controllava?La Mafia ?.No di certo, e la stessa cosa é in Italia. Sono i singoli che percepiscono esenti da tasse il guadagno, sono i singoli che truccano la percentuale di vincite.