Privacy Policy politicamentecorretto.com - PON SICUREZZA, A PATU’ (LE) UN “PONte di MEDIAZIONE”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PON SICUREZZA, A PATU’ (LE) UN “PONte di MEDIAZIONE”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

Patù / Lecce. Il Centro polifunzionale che nascerà con i fondi del Pon Sicurezza nel comune di Patù, in provincia di Lecce (nella foto la cripta Centopietre), diventerà un “PONte di MEDIAZIONE” fra immigrati extracomunitari regolari e comunità locale. Un vero centro polifunzionale che offrirà servizi agli immigrati regolari dell’intero comprensori.o. L’immobile oggetto dell’intervento, finanziato con 466.700 euro, si trova in piazza Indipendenza. Si tratta di un fabbricato di due livelli, negli ultimi anni ristrutturato solo nelle facciate esterne. I servizi offerti dal Centro, finanziato al 50 per cento dallo Stato italiano e al 50 per cento dall’Unione Europea,  si rivolgeranno agli immigrati regolarmente soggiornanti non solo nel comune di Patù ma anche nelle zone limitrofe. Sono previsti corsi di formazione di base e professionale - almeno 3 all’anno - per l’apprendimento della lingua italiana, l’educazione civica e la conoscenza degli atti burocratico-amministrativi; e servizi di orientamento, formazione e  accompagnamento al lavoro, mediazione culturale e assistenza socio-psicologica. Previsti anche spazi per attività ricreative e la professione dei diversi culti religiosi. Il progetto prevede, inoltre, la realizzazione di banche dati per effettuare un monitoraggio continuo dei bisogni degli immigrati e agevolare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro. Si stima che, una volta a regime, la struttura sarà in grado di coinvolgere ogni anno circa 250 utenti/immigrati. 
I Centri Polifunzionali finanziati dal Pon Sicurezza - titolare del Programma è il Ministero dell’Interno, Dipartimento della Pubblica Sicurezza - rientrano nell’Obiettivo Operativo 2.1 ‘Migliorare la gestione dell’impatto migratorio’. L’immigrazione, insieme al riutilizzo dei beni confiscati e alla dotazione tecnologica delle Forze dell’Ordine, è tra gli ambiti ai quali il Pon Sicurezza ha assegnato più risorse finanziarie. Per maggiori informazioni www.sicurezzasud.it
UFFICIO STAMPA PON SICUREZZA OBIETTIVO CONVERGENZA: Tel. +39 06/32120020. Responsabile: Annamaria Graziano  (mob: +39. 335.6073041; e-mail: a.graziano@ocmmedia.com). Addetto Stampa: Debora Rita Piccolo (mob: +39. 333.5889436; e-mail: d.piccolo@ocmmedia.com)

Invia commento comment Commenti (0 inviato)