Privacy Policy politicamentecorretto.com - On Franco Laratta (Pd): Bilancio 2011. Scopelliti come Tremonti: più tasse per tutti, meno servizi, tagli generalizzati. In Calabria record nazionale di carico fiscale

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On Franco Laratta (Pd): Bilancio 2011. Scopelliti come Tremonti: più tasse per tutti, meno servizi, tagli generalizzati. In Calabria record nazionale di carico fiscale

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Il 23 dicembre il consiglio regionale ha approvato il Bilancio 2011, che riserva ai calabresi   una vera e propria doccia gelata, un'operazione da macelleria sociale che costerà moltissimo alla nostra Regione.

Ecco le decisione della Giunta regionale:

 

1)   aumento dello 0,30% dell'addizionale regionale IRPEF;

2)   aumento di 0,25 centesimi al litro dei carburanti;

3)   aumento dell'IRAP dello 0,15%;

4)   tagli di oltre 80 milioni di Euro ai trasferimenti regionali agli enti locali (in particolare 44,5 milioni in meno ai Comuni e 36 milioni in meno per le Province).

 

E ancora:   mancano i provvedimenti promessi a favore delle imprese e delle famiglie;manca il fondo di garanzia per l'accesso al credito delle imprese agricole; manca il sostegno per le fasce deboli, per l'area dello svantaggio che in Calabria assume sempre più i livelli di povertà ed emarginazione.

     

Si tratta quindi di un bilancio di tagli e cancellazioni, di aumento della fiscalità a carico delle famiglie, mentre vengono messi in ginocchio i comuni e le province che, per poter garantire il prosieguo dei servizi, saranno costretti ad aumentare anche loro il costo dei servizi.

Manca qualsiasi forma di intervento a favore dello sviluppo e della crescita, manca qualsiasi forma di novità e di cambiamento, non si punta né al sociale, né sulla cultura o l'istruzione, non si guarda ai giovani, ai disoccupati o alle imprese.

 

 Non si capisce, infine, a cosa serva la norma che prevede la possibilità di cumulare gli incarichi (l'art. 34 che elimina le incompatibilità).  A livello nazionale ci si sta orientando al ripristino delle incompatibilità fra le diverse cariche e funzioni dello Stato. Quindi, il parlamentare faccia il parlamentare , cosi pure per il consigliere regionale. E' impensabile essere, allo stesso momento, deputato, consigliere regionale, magari sindaco e presidente di provincia.   La Regione Calabria sembra invece andare in senso opposto!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)