Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PAPA: CIOCCHETTI UDC; GIOIA IMMENSA PER BEATIFICAZIONE WOJTYLA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

ELEVATO INTERVENTO SIA STIMOLO PER POLITICA. FAMIGLIA, SOCIALE, LAVORO E CASA AL CENTRO

CdV, 14 gen. –  “Una notizia  tanto attesa quanto desiderata. Papa Giovanni Paolo II è stato un Pontefice straordinario, grande testimone di pace e della speranza. Il Suo magistero e il Suo insegnamento sono un patrimonio immenso, un punto di riferimento per noi cattolici sempre costante e presente. Per il mondo cattolico, e non solo, è veramente un momento di grande festa. ”  Lo dichiara il vicepresidente della giunta regionale Luciano Ciocchetti a proposito della beatificazione di Papa Wojtyla il prossimo 1 maggio al termine della tradizionale udienza del Santo Padre Benedetto XVI con le Istituzioni locali. Sala Clementina, Città del Vaticano -

 

“L’elevato discorso e l’apprezzamento di Papa Benedetto XVI,  per la legge della Regione Lazio che prevede il cosiddetto 'quoziente familiare' e considera il figlio concepito quale componente della famiglia, ci spinge ancor di più ad avviare e rafforzare le misure concrete messe in campo per aiutare le famiglie. Molto è stato fatto da questa giunta Polverini  e dall’assessore alle politiche sociali dell’Udc Aldo forte  in merito alla famiglie, alle politiche di sostegno, la casa e il lavoro. Punti fondamentali su cui si fonda e cresce ogni famiglia. Penso al Tavolo tecnico Fattore Famiglia che avrà il compito di elaborare una proposta di rimodulazione della compartecipazione del cittadino alla spesa sociale sulla base del modello ‘fattore famiglia’, ovvero di criteri equi e solidali che tengano conto della situazione socio-economica dell’intero nucleo familiare. Questo giudizio ci  aiuta a spingerci oltre, nel continuare una politica che sia diretta al bene comune.”

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)