Privacy Policy politicamentecorretto.com - Berlusconi Ruby, come umiliare l'Italia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Berlusconi Ruby, come umiliare l'Italia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Berlusconi Ruby, come umiliare l'Italia
'Il mondo ci guarda, visto che ce l'ha così intensa
Berlusconi si ritiri a vita privata'.
Mobilitazione nazionale PD per la dignità delle donne
  
"Il mondo ci guarda, allora visto che ce l'ha così intensa, Berlusconi si ritiri a vita privata" così Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani attacca il presidente del Consiglio dopo l'uscita degli atti sull'inchiesta sul caso Ruby.

Segreteria Pd: "Calpestata la dignità delle donne, esigiamo rispetto"
Parte la mobilitazione del Partito democratico con la raccolta di firme in tutt’Italia, per chiedere il rispetto della dignità delle donne, calpestata dalle ultime vicende che interessano il presidente del Consiglio. Lo hanno proposto le donne della segreteria Pd, durante la riunione in corso nella sede del partito.

*****

Silvio Berlusconi, il massimo rappresentante del nostro Paese nel mondo, indagato per concussione e induzione alla prostituzione minorile, ha completato la compilation di accuse possibili che un cittadino possa collezionare, spaziando da un campo all’altro dei codici civili e penali. Ma quest’ultima accusa ha veramente superato per gravità tutte le altre. Silvio Berlusconi è stato convocato per il prossimo fine settimana a presentarsi presso i pm del tribunale di Milano che indagano sul caso Ruby, con l’accusa di concussione e induzione alla prostituzione minorile.

Non si tratta più di gossip, non si tratta di squallidi rapporti con escort di lusso adulte e consapevoli del loro agire. In questo caso l’invitata d’onore di feste e festini svoltesi nelle residenze di un ultra settantenne era una ragazzina: Karima El Mahroug, detta Ruby. Una minorenne di 17 anni che per legge andrebbe tutelata dagli adulti e non sfruttata anche solo come immagine, come una bella scultura da esporre in mezzo ad altri vecchi tromboni durante le cene.

Ma al momento il Cavaliere non sembra intenzionato a presentarsi in tribunale e rispondere ad un interrogatorio davanti all’accusa. Nonostante i proclami iniziali, l’unica risposta del premier è stata quella di diffondere un videomessaggio, nel quale si è espresso sempre secondo il proprio classico ed ormai collaudato clichè: ha mosso pesanti accuse contro l’operato dei pm di Milano (quindi nulla di nuovo), ha cercato di distogliere l’attenzione del cittadino o meglio dell’utente televisivo dalla gravità del fatto in sè, (l’accusa di concussione e induzione alla prostituzione minorile), inserendo un nuovo e misterioso elemento. La notizia bomba è che Berlusconi è fidanzato in casa, indi per cui non può andare con altre donne: insinuazione che ha ovviamente scatenato del gossip puro a partire dalle testate giornalistiche nazionali fino ai giornaletti di quartiere, passando ovviamente dalle trasmissioni televisive che occupano i nostri pomeriggi.

Il maxi fascicolo di 300 pagine di verbali dettagliati su come si sarebbero effettivamente svolti i fatti è arrivato oggi alla Camera e Pierluigi Castagnetti il Presidente della Giunta per le autorizzazioni a procedere ha preannunciato che verrà esaminato dalla giunta mercoledì prossimo.

Dopo la diffusione del video di Berlusconi, nel quale il premier cerca di ripulire la propria immagine devastata dal suo stesso modus operandi, la reazione del mondo politico e culturale è stata immediata. Pier Luigi Bersani ha denunciato innanzitutto la vergognosa aggressione ai magistrati da parte del premier e poi ha definito l’ultima esternazione auto difensiva uno spettacolo desolante e imbarazzante. “Viene negata l’evidenza –ha detto Bersani –il cavaliere pensa che gli italiani siano stupidi”.

Due giorni fa quando è stato emesso il mandato di comparizione per Berlusconi, sulla vicenda Ruby il leader del Pd aveva rilasciato una dichiarazione alla stampa, di cui trasmettiamo il video. “Una minorenne, com’era Ruby al momento dei fatti su cui si indaga, dovrebbe andare a scuola e non a cena, per così dire, da dei vecchi ricconi -ha detto Bersani nell’intervista -. Non dovrebbe girare con migliaia di euro in tasca. Non dovrebbe essere buttata fuori dalla Questura per poi essere un’ora dopo, riconsegnata ad una prostituta. Perché una minorenne è una minorenne, a prescindere dal fisico che ha e da quello che ha in testa. Dunque, va tutelata”.

Rosy Bindi, Presidente dell’Assemblea nazionale del Partito Democratico ha evidenziato come il premier nel suo video - difesa abbia cercato ancora una volta di mistificare e capovolgere la realtà, in quanto nessuno può invocare la privacy per impedire alla magistratura di accertare reati inconfessabili.
“Anziché difendersi con spot televisivi -ha detto Bindi - se ha il senso della dignità del ruolo che ricopre, Berlusconi si presenti dai magistrati e usi le sedi proprie per dimostrare la propria correttezza e integrità morale. Se ha violato la legge si difenda con gli strumenti previsti dallo Stato di dritto. Solo così dimostrerà di essere un premier normale, come altri leader di grandi democrazie europee. Se c'è infatti qualcosa di anormale nella situazione italiana è il potente e continuo abuso di poteri e funzioni da parte del capo del governo e la sua pretesa di immunità politica e morale. Ma per fortuna la democrazia in Italia è ancora forte è questo grazie anche alla magistratura e alle altre istituzioni che correttamente esercitano i poteri affidati dalla Costituzione e dalle leggi. E' ancora un Paese libero, malgrado e nonostante, i continui tentativi di Berlusconi di stravolgerne le fondamenta”.

A difesa della ruolo della magistratura si è espressa Anna Finocchiaro, Presidente del gruppo del Pd al Senato. “E' davvero stucchevole vedere e sentire gli attacchi del Pdl alla magistratura, colpevole solo di svolgere il proprio dovere, rispetto a una vicenda squallida che non fa che danneggiare il nostro Paese. Mi auguro che ci sia sacrosanto rispetto per le indagini. Non possiamo permetterci di gingillarci di nuovo, e per mesi, con le questioni che riguardano Silvio Berlusconi e i suoi discutibili comportamenti. L'Italia ha bisogno di un governo che si occupi dei problemi concreti dei cittadini, cioè del lavoro, della crisi economica, del futuro dei giovani". E su questo si è soffermato anche Andrea Orlando, Responsabile Giustizia del Pd che ha dichiarato: “A noi non interessa strumentalizzare la patetica vicenda che riguarda il presidente del Consiglio, sulla quale sarà necessario fare piena chiarezza. Vorremmo, anzi, che non fosse l’ennesimo pretesto di questo governo per aggredire la magistratura e non occuparsi dei veri problemi del Paese”.

Uno degli aspetti che emerge dall’inchiesta della Procura di Milano, sul caso Ruby - Berlusconi è che a prescindere dall’esito processuale, si conferma comunque la grande ricattabilità del Presidente di una delle più grandi potenze del mondo, rispetto al proprio modello di vita. “E questo, in un Paese normale, dovrebbe essere sentito come un pericolo per tutti”, ha notato Emanuele Fiano Presidente Forum Sicurezza del Pd.

Purtroppo, l’intera vicenda è raccontata poco e male anche dai mezzi di comunicazione televisivi, hanno denunciato gli esponenti del Pd. Vincenzo Vita, componente Pd in Commissione Vigilanza Rai ha evidenziato come ‘nel Tg1, alla vicenda Ruby non si sia dedicato altro che un pastone politico con botta e risposta tra esponenti dei vari Partiti, tralasciando ciò che forse al direttore Minzolini è sembrato trascurabile: il racconto dei fatti’.

Le notizie che emergono da quest'ultima inchiesta sono il segno finale della decadenza di questo modo di essere della destra italiana e di come gli anni del berlusconismo abbiano ridotto il nostro Paese. "E' una vergogna avere un Presidente del Consiglio indagato anche per concussione e prostituzione minorile, un Premier che si è messo in una condizione di tale gravità da gettare discredito sul Paese e sulle cittadine e sui cittadini italiani –ha detto la senatrice del Pd Vittoria Franco -.E' necessaria una reazione sempre più attiva dell'opinione pubblica a questa destra indecente".

Alleghiamo un pezzo della lettera che quasi due anni fa la allora moglie di Berlusconi, Veronica Lario mandò ai giornali, probabilmente per discostarsi pubblicamente dalle squallide vicende che riguardavano il marito. Le frasi del suo scritto, suonano oggi come palesemente rivelatrici di una realtà che è emersa successivamente e che ben descrive Silvio Berlusconi.

Probabilmente avremmo dovuto dare maggiore credito a colei che maggiormente conosce il premier nella sua intimità: la moglie.

"…… Qualcuno ha scritto che tutto questo è a sostegno del divertimento dell’imperatore. Condivido. Quello che emerge dai giornali è un ciarpame senza pudore. E tutto in nome del potere. Figure di vergini che si offrono al drago per rincorrere il successo e la notorietà. E per una strana alchimia, il Paese tutto concede e tutto giustifica al suo imperatore ….." (Veronica Lario - aprile 2009)

Anto. Pro.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)