Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PIANO CASA, CIOCCHETTI: VELOCE APPROVAZIONE SIA PRIORITA’ DI TUTTI COLMERÀ ASPETTATIVE CITTADINI E IMPRESE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

COLLEFERRO, 20 Gen - "La concretezza e l'attuabilità della nuova legge finalmente colmeranno le aspettative dei cittadini di tutta la Regione  e sono certo che sarà uno strumento per ridare slancio all'economia e per rispondere alla grave crisi dell'occupazione insieme all’emergenza abitativa che coinvolge Roma e il Lazio. Ma per consentire questo impulso, serve da parte di tutti la consapevolezza che approvare le modifiche sulla legge regionale 21/2009 è una priorità.  - È quanto dichiara il Vice Presidente e Assessore all'Urbanistica della Regione Lazio Luciano Ciocchetti in una nota a margine del convegno pubblico sul nuovo "Piano Casa" a Colleferro. -

"Aver messo mano alla legge regionale, non e' stato atto politico ideologico della Giunta Polverini – continua Ciocchetti - , ma un volere correggere e semplificare l'esistente per offrire i necessari cambiamenti, a tutto vantaggio dei cittadini, lavoratori, imprese  e della economia generale di questi territori. Questo nuovo Piano Casa e' stato appositamente riformulato per intervenire su un efficace uso della leva urbanistica e favorire quindi la realizzazione di alloggi di housing sociale, riqualificazione della fascia costiera e del patrimonio esistente tramite la cosiddetta 'sostituzione edilizia'.

La nostra rivoluzione – spiega - si basa su concetti efficaci come semplificazione, riqualificazione del patrimonio immobiliare esistente e delle periferie, con minor spreco del terreno libero. Solo cosi' - conclude - si puo' ottenere l'anelato rilancio dell'edilizia e dell’economia di questa regione.


Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data violitti ferdinando, 22 Gennaio, 2011 19:31:54
    Non ho ben capito se con l'approvazione del nuovo piano casa per chiudere una preesistente veranda ci sarà sempre l'obbligo di adeguare l'intero edificio alla normativa antisismica, anche in zone considerate non a rischio. Se così fosse rimarrei molto deluso. Buon lavoro.