Privacy Policy politicamentecorretto.com - OBIEZIONE DI COSCIENZA E FARMACISTI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

OBIEZIONE DI COSCIENZA E FARMACISTI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

OBIEZIONE DI COSCIENZA E FARMACISTI. SOLO IN UN MERCATO LIBERO SI PUO' PENSARE DI SCEGLIERE I PRODOTTI DA METTERE IN VENDITA

 A Bologna dei manifestanti hanno creato problemi ad un farmacista che si rifiutava di vendere la pillola del giorno dopo e sono anche stati denunciati per interruzione di pubblico servizio. Una situazione che potrebbe servire per fare chiarezza sull'inesistente diritto all'obiezione di coscienza rivendicato da alcuni farmacisti per la vendita della pillola del giorno dopo. La chiarezza si potrebbe fare anche in sede giudiziaria: lo stesso capo d'accusa in capo ai manifestanti potrebbe essere valido per il farmacista che si rifiuta di vendere la pillola del giorno dopo.
La farmacia svolge un servizio di pubblica utilita' disciplinato da leggi che proprio richiamandosi all'utilita' pubblica ne consentono l'apertura solo a determinate condizioni. Sempre appellandosi al servizio a favore del cittadino e del sistema sanitario, le stesse farmacie hanno effettuato vere e proprie rivolte contro qualsiasi legge di liberalizzazione del settore, anche solo per consentire la vendita di farmaci senza obbligo di ricetta medica e da banco. Uno dei tanti esempi di un mercato chiuso, dove il monopolio delle farmacie e la corporazione dei proprietari delle farmacie non ha consentito di andare incontro alle esigenze dei cittadini, alle sollecitazioni dell'Antitrust e della concorrenza, un mercato appena scalfito dalle timide liberalizzazioni realizzate dal ministro Bersani.
A fronte di questa situazione i farmacisti vorrebbero conquistare un ulteriore privilegio: vendere i farmaci preferiti e rifiutarsi di somministrarne altri. Se cio' puo' essere consentito per le creme e gli assorbenti in vendita nelle farmacie, non puo' valere per i farmaci con obbligo di ricetta medica, a meno che non si consenta anche ad altri esercizi commerciali di effettuarne la vendita.
Se i farmacisti cattolici vorranno battersi per ottenere il diritto all'obiezione di coscienza, come sollecita la Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi), sappiano che mi troveranno al loro fianco nel caso in cui consentiranno la completa apertura del mercato e i farmaci si potranno trovare al supermercato, come in Autogrill.
Non si puo' avere la moglie ubriaca e la botte piena, non si puo' avere il monopolio della vendita dei farmaci e decidere anche di non venderne alcuni.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)