Privacy Policy politicamentecorretto.com - “Esprimiamo grande preoccupazione per il Piano di rientro e di riordino ospedaliero”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“Esprimiamo grande preoccupazione per il Piano di rientro e di riordino ospedaliero”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Bari , 24 gennaio 2011 -  “Esprimiamo grande preoccupazione per il Piano di rientro e di riordino ospedaliero” queste le parole di Paolo Telesforo delegato per la Sanità di Confindustria Puglia, in audizione dalla 3a e dalla 1a Commissione Regionale riunite oggi a Bari presso l’Aula del Consiglio Regionale.

Confindustria Sanità Puglia ha presentato le preoccupazioni non solo per la vita delle Aziende private, ma anche per il destino degli oltre 15.000 lavoratori da essi occupati che con sacrificio e professionalità si vedono mortificati dai recenti provvedimenti.

Questo Piano di rientro non farà che aumentare la spesa per la mobilità extraregionale che già nel 2009 è arrivata a superare i 280 milioni di euro.

“Chi andrà a dire alla gente che le nostre già esigue risorse economiche serviranno a risanare i bilanci della Sanità delle Regioni del Nord sacrificando i bisogni di salute dei cittadini pugliesi?”. Questo è l’interrogativo da porsi, ha dichiarato Telesforo.

Confindustria Sanità Puglia, per questo motivo, nonostante il giudizio critico, si dichiara al fianco dell’Assessore Fiore nella battaglia che sta combattendo a Roma per un’equa distribuzione del Fondo Sanitario Nazionale e non accontentarci di qualche piccolo riconoscimento. Oggi è il momento del riscatto, bisogna riparare agli errori del passato.

Infatti, dal 1997 ad oggi per una distribuzione del Fondo Sanitario che tiene conto solo del fattore età, e non di quello della deprivazione sociale, la Regione Puglia è stata penalizzata per oltre 7 miliardi di euro.

Occorre che la Regione sappia far valere le proprio ragioni accompagnata dal consenso di tutte le forze sociali. Confindustria Puglia è pronta a dare, come sempre, il suo contributo.

 

---------------------------------------------------------------------------------

CONFINDUSTRIA PUGLIA

Area Comunicazione
via Demetrio Marin, 3 -   70125 Bari

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)