Privacy Policy politicamentecorretto.com - CONTRATTISTI. MARINO: E’ ORA DI GARANTIRE I DIRITTI RICONOSCIUTI DALLA COSTITUZIONE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CONTRATTISTI. MARINO: E’ ORA DI GARANTIRE I DIRITTI RICONOSCIUTI DALLA COSTITUZIONE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

“Dopo cinque anni di lavoro parlamentare in due diverse legislature è giunto il momento di concedere, finalmente, a circa 1300 cittadini italiani all’estero, dei diritti che la Costituzione gli riconosce, ma che le leggi ordinarie ancora non garantiscono”.
Lo afferma Eugenio Marino, Responsabile del PD per gli italiani all’estero, in merito all’iter della Pdl 717 in materia di prerogative sindacali in discussione oggi al Senato.
“La proposta di legge – prosegue Marino – è già stata approvata alla Camera in sede deliberante e ha superato l’iter delle Commissioni al Senato, ricevendo tutti i pareri positivi, compreso quello della Commissione Bilancio, che ha valutato come non comporti alcun aggravio di spesa”.
“Per questi motivi quindi – ribadisce il dirigente PD – è stata chiesta anche al Senato la sede deliberante per la quale si chiede oggi il via libera”.
“Crediamo che questa – conclude Marino – che è una battaglia di democrazia e di parità di diritti per tutti i lavoratori, venga sostenuta con lealtà e che il Governo mantenga l’opinione positiva già espressa alla Camera senza cedere a tecnicismi parlamentari e dell’Amministrazione o a pressioni esterne che vanificherebbero un lavoro pluriennale e bipartisan e che, soprattutto, confermerebbero la diseguaglianza di una categoria di lavoratori all’estero rispetto a tutte le altre”.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Gonnella, 25 Gennaio, 2011 17:54:47
    Visto vhe il Marino ha fatto riferimento alla Costituzione e i lavoratori all' estero non hanno capito una mazza. Si tratta dell' articolo 35