Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CASA, CIOCCHETTI: "MODELLO PUBBLICO-PRIVATO PER RESIDENZE UNIVERSITARIE"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

"Per risolvere il problema delle residenze universitarie bisogna fare programmi e progetti con gli atenei del Lazio. Devono avere uno stock di alloggi per gli studenti usando un modello che segua il modello del rapporto tra pubblico e privato". E' quanto ha detto l'assessore all'Urbanistica della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti, presente a un incontro nell'ambito del corso "Governo del territorio, pianificazione urbanistica e territoriale. Vigilanza e lotta all'abusivismo" all'Istituto regionale di studi giuridici del Lazio "Arturo Carlo Jemolo". Quello delle residenze universitarie, ha spiegato Ciocchetti, e' uno dei quattro "obiettivi" della Regione sull'emergenza abitativa. "Stiamo lavorando per impostare una serie di interventi per le amministrazioni comunali che diano risposte concrete", ha aggiunto. Ciocchetti ha parlato dei "finanziamenti dell'edilizia sovvenzionata" spiegando come si tratti di "100 milioni di euro l'anno per dieci anni per fare solo case popolari, che vedranno nel Piano casa articoli di attuazione e programmazione come la possibilità di integrare una serie di aree di proprietà dell'Ater, quindi già pubbliche, inserite in vecchi piani di zona 167". Poi, ha citato il "fondo con la Cassa depositi e prestiti, inserito in Finanziaria, per l'edilizia agevolata, per le cooperative e le imprese di housing sociale. Entro marzo sarai definito l'uso del fondo". Altro "obiettivo", spiega ancora l'assessore all'Urbanistica, "e' l'attuazione, con un articolo innovativo al Piano casa di una semplificazione dei cambi di destinazione d'uso. In cambio si chiede agli imprenditori di destinare il 30 per cento della superficie utile lorda ad edilizia a canone concordato con l'amministrazione comunale".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)