Privacy Policy politicamentecorretto.com - Atei, credenti, e l'inquietudine che suscita il mistero

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Atei, credenti, e l'inquietudine che suscita il mistero

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Un ateo può essere vicino ad un credente più di quanto possa essere un credente ad un altro credente.  Ad accomunare un ateo e un credente può essere il senso religioso. Daria Bignardi,  nella sua trasmissione del 28 gennaio, ignorando probabilmente che qualcosa li accomunava, ha intervistato prima un credente e poi un ateo: il priore Enzo Bianchi, e Corrado Augias, ateo per l'appunto. Ma si potrebbe dire che Augias è un "ateo religioso", giacché si pone continuamente domande sul senso della vita e della morte, sul senso dell'esistenza. Un ateo che "sente" il mistero che avvolge l'uomo e l'intero universo. E giacché si pone domande, evidentemente non ha incrollabili certezze. Così come non ha incrollabili certezze il priore Enzo Bianchi, il quale, durante la trasmissione, ha parlato della difficoltà della fede in certi momenti, delle domande che restano senza risposta. Neppure il priore vive d'incrollabili certezze. Ad accomunare i due personaggi, è appunto il senso religioso. Esistono, per contro, atei e credenti (beati loro!) che vivono tranquillamente nelle loro incrollabili certezze, che non hanno dubbi, che non si pongono domande, ingnari dell'inquietudine che suscita il mistero.
 
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella, 07 Febbraio, 2011 14:38:32
    La certezza della non esistenza di un Dio, nasce dalla consapevolezza dell' Uomo di credere in un "essere" Creatore, peccato che poi abbia voluto sfaccettarlo a propria immagine e somiglianza. Se non condividi fammi sapere..

Altre notizie