Privacy Policy politicamentecorretto.com - FLI A FIANCO DEGLI ITALIANI NEL MONDO SENZA SE E SENZA MA

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

FLI A FIANCO DEGLI ITALIANI NEL MONDO SENZA SE E SENZA MA

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

Roma, 14 febbraio 2011 – “All’indomani della costituente la sensazione è quella di aver creato un soggetto nuovo, protagonista di una stagione rinnovata della politica italiana, in cui le ambizioni, i progetti e le iniziative sappiano davvero voltare pagina rispetto al putridume della seconda repubblica”. Lo dichiara in una nota Aldo Di Biagio, che insieme a Roberto Menia e Mirko Tremaglia ha presentata in occasione dell’Assemblea costituente di Milano un documento, poi approvato, a sostegno degli italiani nel Mondo firmato da oltre cento tra connazionali e politici. “Fli sarà a fianco dei nostri connazionali senza se e senza ma, e la presenza di una delegazione così corposa ed attiva a Milano – spiega – è segno di questa inversione di rotta della politica nei confronti degli Italiani nel Mondo”. “Segnatamente in questo momento in cui molte categorie sono particolarmente vessate come quella degli impiegati a contratto della rete Mae all’estero – evidenzia - è necessario far sentire la nostra voce per evitare che i potentati, in particolar modo i sindacati confederali, per paura di perdere il proprio potere affossino i diritti fondamenti di questi lavoratori. Infatti l’alzata di scudi dei confederali contro una proposta di legge che riconosceva il diritto improcrastinabile di rappresentanza sindacale a questi lavoratori, ha bloccato una proposta che ormai era arrivata alla sua battuta finale in seconda lettura al Senato”. “Abbiamo bisogno di concretezza – conclude la nota – di pragmatismo politico e di lungimiranza, per garantire ad ogni italiano la partecipazione ed il diritto ad essere parte del cambiamento. In che modo? Abbattendo ogni forma di pregiudizio nei confronti dei nostri connazionali nel mondo e dando loro finalmente la possibilità di essere italiani a tutti gli effetti”.

 

Ufficio stampa
On. Aldo Di Biagio
Tel 06 67605755
Fax 06 67605030

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data MICHELE CASTELLINI, 14 Febbraio, 2011 22:27:09
    Bbisogna avere forza e coraggio per dare a gli italiani al estero tutti i diritti come gli italiani in Italia e mi sembra giusto. Un saluto con il cuore. Michele