Privacy Policy politicamentecorretto.com - On. Franco Laratta (PD): “Scopelliti ripropone un suo antico sogno: liste bloccate anche alle regionali! A me pare un'assurdità”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On. Franco Laratta (PD): “Scopelliti ripropone un suo antico sogno: liste bloccate anche alle regionali! A me pare un'assurdità”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


“E' certamente vero che il sistema delle preferenze accelera e amplifica la corruzione elettorale, consente un forte inquinamento mafioso, provoca una folle corsa ai costi elettorali. Noi a livello nazionale abbiamo proposto da tempo di abrogare la legge 'porcata' di Calderoli.
Ma prima di arrivare alle liste bloccate in Regione, Scopelliti avrebbe potuto verificare che vi sono altre possibili leggi elettorali, altri sistemi. Vedi, per esempio, il modello provinciale dei collegi, ma non solo.
Ma quello che sfugge a Scopelliti è che il massimo dell'inquinamento mafioso si può avere proprio con l'elezione diretta del Presidente di una Regione! Come la mettiamo in questo caso?
Come si fa a garantire che il presidente della Regione viene eletto senza il concorso determinante dei clan mafiosi? E nel frattempo gli consentiamo di scegliere i candidati certi delle liste bloccate? Visto che alla fine sarà il candidato Presidente che avrà l'ultimo potere di scelta. In ogni caso, oggi le preferenze per eleggere i Consiglieri Regionali fanno meno paura dopo l’approvazione della ‘Legge Lazzati’ che prevede la decadenza degli eletti a tutti i livelli per il voto dei clan mafiosi”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)