Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il caso Restuccia in Parlamento. Dieci deputati chiamano Maroni. Nel vibonese racket e criminalità impazzano

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il caso Restuccia in Parlamento. Dieci deputati chiamano Maroni. Nel vibonese racket e criminalità impazzano

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

  

Dopo la visita dell’ on Franco Laratta all’imprenditore Vincenzo Restuccia di Vibo Valentia, ben 10 deputati ha scritto al ministro degli Interni per chiedere sicurezza e protezione all’imprenditore fatto finora oggetto di 101 attentati che hanno provocato 2 milioni di euro di danni.

 

On. Franco Laratta: “Il Ministro Maroni venga a in Calabria a rendersi conto di persona. La situazione è drammatica”!

 

INTERROGAZIONE URGENTE PRESENTATA STAMANE ALLA CAMERA.

Da onn. Frano Laratta , Doris Lo Moro, Nicodemo Oliverio, Cesare Marini, Maria Grazia Laganà Fortugno, Vinicio Peluffo, Amalia Schirru, Giuseppina Servodio, Luisa Bossa, Tullo Mario,

 


Al ministro degli Interni

Per sapere
Premesso che

Nello scorso mese di gennaio, l'imprenditore Vincenzo Restuccia di Vibo Valentia, ha subito l’ennesimo attentato intimidatorio che ha danneggiato alcuni mezzi di lavoro nel suo cantiere.
Il sig. Restuccia è stato fatto oggetto finora di oltre 100 attentati e intimidazioni , subendo danni accertati e denunciati per oltre 2 milioni di euro.
Nonostante questa seria impressionante di attentanti, l’imprenditore continua con orgoglio e coraggio a portare avanti la sua impresa, presso la quale lavorano oltre 220 dipendenti. L’ uomo è forte e determinato, anche se le violente aggressioni subite cominciano a preoccupare seriamente lo stesso e soprattutto la sua famiglia.
Colpito e minacciato perchè non paga il pizzo, perchè non si piega alla criminalità organizzata, Restuccia merita il più deciso sostegno da parte dello Stato e delle sue Istituzioni sul territorio.
Dobbiamo sostenerlo e aiutarlo, dimostrargli vicinanza e solidarietà.
Il caso Restuccia va inquadrato in un contesto, qual è quello della Provincia di Vibo Valentia, in cui le aggressioni e le intimidazioni sono praticamente a cadenza quotidiana.
Ne sono colpite imprese piccole e grandi, mentre anche la vita ordinaria dei cittadini, delle famiglie, dei professionisti ne risente notevolmente.

Tutto ciò premesso

 


Si intende sapere

-SE IL GOVERNO E’ A CONOSCENZA DI QUANTO SOPRA ESPOSTO;

-SE IL MINISTRO DEGLI INTERNI NON INTENDA METTERE IN ATTO TUTTI GLI STRUMENTI A SUA DISPOSIZIONE PER FAVORIRE IL RITORNO ALLA LEGALITA’ NELLA PROVINCIA DI VIBO VALENTIA COLPITA DA UN IMPRESSIONANTE NUMERO DI ATTENTATI E INTIMIDAZIONI AI DANNI DI IMPRENDITORI, COMMERCIANTI, PROFESSIONISTI, AMMINISTRATORI LOCALI;

-COSA INTENDA FARE PER GARANTIRE SICUREZZA AL SIG. VINCENZO RESTUCCIA E ALLA SUA IMPRESA CHE CONTA 220 DIPENDENTI ;


-QUALI STRUMENTI INTENDA METTERE IN ATTO PER FERMARE L’ESCALATION DI ATTENTATI NEL VIBONESE CHE RENDONO SEMPRE PIU’ DIFFICILE LA VITA AI CITTADINI.


- SE NON INTENDACOMPIERE UNA VISITA IN CALABRIA PER RENDERSI CONTO DELLE CONDIZIONI IN CUI VERSANO MOLTI INTERRITORI REGIONALI AGGREDITI DALLA CRIMINALITA' ORGANIZZATA

Invia commento comment Commenti (0 inviato)