Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ventennale FIDAPA di Massafra con libro e annullo filatelico

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ventennale FIDAPA di Massafra con libro e annullo filatelico

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Libro ed annullo filatelico per il ventennale della FIDAPA, sezione di Massafra. “20 Anni Insieme - 1991 – 2011” è il titolo del libro c stampato presso la Tipografia Piccolo di Crispiano, menre l’annullo filatelico e l’apposita cartolina sono del noto artista Nicola Andreace. 
Il “Ventennale” viene festeggiato sabato 26 febbraio, presso l’Appia Palace Hotel durante la Cena delle Candele, alla presenza tutte le socie, ospiti istituzionali, autorità varie. Seguirà la cerimonia dell’ingresso di nuove socie, dell’accensione delle candele (ognuna delle quali ha un significato e rappresenta uno Stato Associato) e della lettura del Codice dell’Associazione.  Consegna del libro a socie, autorità ed amiche ed amici. L’attuale presidente, Emilia D'Aprile Di Masi, con emozione ed orgoglio, ricorda in questo volume, quando nel 2001 sotto la sapiente guida dell'allora Presidente Maria Sara Fornaro, fu pubblicato il libro del “Decennale” che raccolse e racchiuse le idee, le iniziative, le ansie e le gioie dei primi dieci anni di vita della Fidapa di Massafra. Ora l’ulteriore e meravigliosa nuova tappa della vita dell’Associazione con questo secondo volume.
Entrata nella Fidapa nel 1997, presentata dalle “amiche” Anna Maria Bafunno e Giulia Di Masi, Emilia D’Aprile si accorse subito del fermento che ruotava intorno ad essa. Nel 2003, con la presidenza di Lella Mastrangelo le fu affidato l’incarico di tesoriera, poi con Anna Maria Bosco quella di segretaria ed infine, con Anna Maria Bafunno, quella di Vice Presidente. “Sono stati sette anni, lunghi, intensi, emozionanti, qualche volta per questioni organizzative, anche difficoltosi (ha scritto), ma sicuramente belli. I continui contatti, la condivisione di apprensioni, ansie e soddisfazioni che hanno accompagnato ogni Presidente, il cercare di essere loro il più vicina possibile, soprattutto come amica, è stato indimenticabile”.
Un libro, questo del “ventennale”, che sarà una delle opere più preziose e allo stesso tempo più riservate che la presidente custodirà nella sua biblioteca, così come farà ciascuna delle fidapine.
“Il problema di ogni civiltà non è quello di cancellare il passato per proiettarsi nel futuro, ma è piuttosto quello di custodire e far tesoro delle proprie memorie, per promuovere un civile sviluppo, che tenga conto delle precedenti esperienze. E credo che, attraverso questo volume (dice ancora), noi non solo otterremo questo, ma offriremo anche un servizio ed un sostegno alla importante e fondamentale circolazione di idee nella città, e non si potrà non riconoscere come queste testimonianze avranno contribuito alla crescita culturale della stessa. I nostri incontri sono sempre, e sempre saranno, conditi dall'innegabile bagaglio culturale che ci accomuna e che ci spinge, sempre di più, ad impegnarci nel nostro territorio, permettendoci così non solo l'incontro con il giovane, il meno giovane, il vicino di casa, il minore, il diversamente abile, ma anche di instaurare ulteriori rapporti di collaborazione e amicizia con Istituzioni, Enti, altri Club ed Associazioni. La nostra è un'Associazione che nasce, anche a Massafra, dalla linfa vitale costituita dall'impegno di tutte le socie. E' stato, e continuerà ad essere, un cammino lungo, ma dobbiamo riscoprire, ogni giorno, la gioia di stare insieme, la forza che ci deriva dall'essere donne, con la D maiuscola, unite da ideali comuni, da valori forti da vivere intimamente e profondamente”.
La presidente D’Aprile conclude invitando tutte le socie a sforzarsi, con lei stessa, di continuare ad essere portavoce dei tanti problemi che affliggono l'Universo Donna e di continuare a lavorare per se stesse, per le socie, per le altre donne con un compito primario: poter interagire con le realtà intellettuali della città.
Conclude la sua introduzione al libro scrivendo che talvolta la penna scorre, ma non lascia traccia. “Abbiamo tutti un sogno nel cassetto ed è giusto raccontarlo. E' la nostra vita. A volte, invece, la penna scorre e incide solchi nella terra, sono profondi, ed attorno la natura cambia. Quel segno resta... è la F.I.D.A.P.A.”
A tutte le socie Fidapa un unanime grazie di cuore per il lavoro svolto. I risultati conseguiti, come fra l’altro evidenziato da Lucia Moccia (Presidente Fidapa Distretto Sud Est), costituiranno un sicuro trampolino di lancio per raccogliere le sfide da affrontare per raggiungere mete sempre più prestigiose.
Eufemia Ippolito (Vicepresidente Nazionale Fidapa) partecipa all'orgoglio della Presidente, delle Past presidenti e delle Socie tutte che sono riuscite a contribuire efficacemente a cogliere le problematiche femminili emergenti seguendo l'evoluzione etico-sociale dei tempi in vent'anni di costituzione e conformemente agli ideali della BPW International che ha compiuto “ottant'anni”. Complimenti anche da  Giuseppina Seidita (Presidente Nazionale FIDAPA), la quale evidenzia  che la società oggi ha, più che mai, bisogno di loro tutte (unite sono una grande forza), della loro intelligenza, cultura, creatività, generosità e collaborazione da utilizzare al meglio con le loro capacità e le loro esperienze, per cercare di costruire assieme un mondo migliore, un mondo di pace. Anche il sindaco di Massafra, dott. Martino Tamburrano, saluta con grande piacere il prestigioso traguardo raggiunto dalla FIDAPA, degna ricompensa per coloro che riflettono su quanto prodotto dall'universo al femminile. “Non aver chiuso mai gli occhi su ciò che accadeva, o non aver voltato lo sguardo lì dove non era conveniente guardare (ha fra l’altro scritto), rende onore e merito a tutte le socie”. Ha anche ricordato che l’Amministrazione sostiene il mondo dell'associazionismo e che lo fa maggiormente quando l'impegno è tradotto in condivisione, appartenenza e buona convivenza socio-civile e culturale. Ed ha invitato le fidapine a non fermarsi mai e a continuare a lavorare per un mondo e una Massafra migliore. “La strada è quella giusta”, ha concluso,nell’augurare buon prosieguo del viaggio.
Nel volume è riportata la storia della FIDAPA (l'INTERNATIONAL FEDERATION OF BUSINESS AND PROFESSIONALE WOMEN), fondata a Ginevra nel 1930, e (dopo una sosta  a causa della  2ª Guerra Mondiale),  la ripresa delle attività nel 1945 a Roma, assumendo la sigla attuale di F.I.D.A.P.A. (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari). Riportati, tra l’altro, anche l’atto costitutivo della sezione massafrese ed i Comitati di Presidenza dal 1991 ad oggi. Ricordiamo l’attuale direttivo (biennio 2009-2011) composto da Emilia D’Aprile (presidente), Anna Maria Bafunno (past president), Tonia Di Gregorio (vice presidente), Giulia Di Masi (segretaria), Carla Marzia (tesoriera).  Consigliere: Giuliana Bianchi, Silvia Cuomo, Lina Lazzaro, Anna Maria Bosco, Maria Sara Fornaio e Lella  Mastrangelo. Revisori dei conti: Donatella Monaco, Rossella Salerno  e Pina Latorrata. Ricordiamo anche le Past President che hanno presieduto l’associazione F.I.D.A.P.A. sezione di Massafra nei passati bienni indicati tra parentesi: Barbara WojchecoWska (1991-1993), Teresa Bosco (1993-1995), Fabrizia Sturlese (1995-1997), Carla Gallo (1997-1999) Maria Sara Fornaro  (1999-2001), Silva Cuomo (2001-2003), Lella Mastrangelo (2003-2005), Bosco Anna Maria (2005-2007) e Anna Maria Bafunno (2007-20099. Nella foto con al centro l’attuale presidente Emilia D’Aprile, altre socie del direttivo e rispettivi mariti). 
Il “Ventennale” della FIDAPA è ricordato dal Circolo filatelico “Antonio Rospo” e dalle Poste Italiane con uno speciale annullo filatelico, creato (come quello del decennale) dall’apprezzato e noto artista Nicola Andreace, autore anche della cartolina filatelica, come abbiamo accennato all’inizio. L’Ufficio filatelico temporaneo funzionerà la stessa serata (dalle ore 19.00 alle ore 22.00) in una sala dell’Appia Palace Hotel e sarà diretto da Salvatore Giardina, specialista del Comparto Filatelico della Filiale Poste di Taranto. Quanti impossibilitati ad essere presenti, potranno prenotare annullo e cartolina rivolgendosi al vice presidente del Circolo filatelico Francesco Rospo <francescorospo@libero.it - Cell. 3395433159) oppure al Circolo filatelico “A. Rospo”, aperto ogni sabato dalle ore 18.00 alle ore 20.00 presso il Palazzo De Notaristefani. Ci si può rivolgere anche a Salvatore Giardina <GIARDI69@posteitaliane.it>.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)