Privacy Policy politicamentecorretto.com - Giuliano Ferrara è un giornalista intelligente. Lo dicono tutti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Giuliano Ferrara è un giornalista intelligente. Lo dicono tutti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Che bella notizia!  Giuliano Ferrara, tornerà presto in Rai. Dovrebbero essere contenti i telespettatori di Rai1, e soprattutto le telespettatrici. Giuliano Ferrara, infatti, è un giornalista intelligente. Come non ricordare le sue battaglie intelligenti e i suoi discorsi intelligenti? Nel 2005 si batté strenuamente a difesa della "libertà" degli embrioni, a scapito della libertà delle donne. Nel mese di novembre dello stesso anno, durante la trasmissione Matrix, affermò per ben tre volte che l'aborto è uno schifo, il che significa che le donne le quali, magari per disperazione, per necessità, abortiscono, fanno una cosa schifosa e quindi fanno schifo. Intelligente e raffinato, Giuliano Ferrara. Poi aggiunse: "Partorire è salute della donna, abortire è malattia". Profondità difficilmente raggiungibile. Consapevole del suo valore, il 23 aprile del 2006, nella trasmissione Report, poiché un giornalista gli faceva notare che percepiva uno stipendio suppergiù uguale a quello di Antonio Padellaro, replicava: «Ma io valgo di più di Antonio Padellaro; io sono Giuliano Ferrara!». Intelligente, raffinato, modesto. Il 27 settembre 2006, durante la trasmissione Otto e mezzo, poiché si parlava di accanimento terapeutico, chiese a Rodotà se la sofferenza secondo lui aveva un senso, quasi come se un'eventuale legge su questa materia, dovesse dipendere dal senso della sofferenza: se stabiliamo che la sofferenza di un malato terminale ha senso, ce ne laviamo le mani, altrimenti provvediamo a fare una legge che possa permettergli di porre fine al suo tormento. Il 14 febbraio 2007, nella trasmissione Otto e mezzo, affermò che reputare l'omosessualità peccato, è cosa da non scandalizzare giacché il termine peccato è presente nel nostro vocabolario. Nel dicembre dello stesso anno propose una moratoria universale sull'aborto. Giuliano Ferrara è un giornalista intelligente. Lo dicono tutti.

 

Elisa Merlo

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)