Privacy Policy politicamentecorretto.com - “Ma che storia...” – Il Pd Berlino festeggia il 150 anniversario dell'Unità d'Italia

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“Ma che storia...” – Il Pd Berlino festeggia il 150 anniversario dell'Unità d'Italia

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Garavini, PD: “Mai come ora c’è bisogno d’Unità”

 

Grande voglia di Unità d'Italia, a Berlino, dove i gestori del cinema Babylon hanno dovuto improvvisare una seconda sala cinematografica per ospitare tutti gli spettatori invitati dal PD locale per festeggiare il 150° anniversario dell'Unità.

 

"Il Partito Democratico crede fortemente nei valori costituzionali e nell’Unità d'Italia” ha sottolineato Laura Garavini, intervenuta all’iniziativa. "Questa a Berlino è una delle 150 iniziative lanciate dal PD in Italia e nel mondo per celebrare il centocinquantesimo anniversario dell'Unità d'Italia. E la commemorazione, lungi dal voler essere soltanto una mera formalità, vuole ribadire quanto sia attuale e necessario battersi ancora oggi per una politica unitaria, solidale, mirante ad una integrazione europea dei paesi membri. Non è un caso" ha proseguito la parlamentare "che una parte consistente dell'attuale Governo Berlusconi sia contraria alle celebrazioni del 150°. Non è mistero che la Lega Nord continui a covare ambizioni secessioniste, volte a spaccare l'Italia, a scindere il nord ricco da un sud denigrato e bistrattato."

 

All’iniziativa è intervenuto Dario Pasquini, storico, responsabile del gruppo giovani del PD di Berlino e artefice della serata, insieme al Presidente Tiziano Ungherese che ha illustrato l’intento del regista di dare voce ai ceti popolari, storicamente esclusi dal Risorgimento.

 

Importante è stato anche il contributo del professore Gherardo Ugolini, intervenuto nella discussione, che ha apprezzato il vivace ed interessante dibattito scaturito dalla visione del documentario e ha attirato l'attenzione sulla ricostruzione talvolta lacunosa di vicende legate al nostro Risorgimento.

 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)