Privacy Policy politicamentecorretto.com - COMITES, CGIE , EDITORIA, AGENZIE DI STAMPA, RISTORAZIONE E ISTITUZIONI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

COMITES, CGIE , EDITORIA, AGENZIE DI STAMPA, RISTORAZIONE E ISTITUZIONI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


 
 
 
COMITES e CGIE

I Comitati degli Italiani all’estero ,per poter svolgere al meglio le loro funzioni,prima di tutto devono essere riconosciuti legalmente nello Stato ospitante.
Con la doppia normativa relativa al loro stato legale sono impossibilitati a svolgere le loro attivita’ secondo le leggi della Nazione in cui risiedono.
Devono essere attuati accordi bilaterali e internazionali che gli riconoscano in pieno la loro Istituzione giuridica ,con un accreditamento ufficiale presso i relativi Ministeri degli esteri della Nazione di accoglienza.
Inoltre la legge istitutiva dei Comitati deve essere modificata e aggiornata completamente e deve essere abolito alle elezioni il quoziente dei resti dei voti che non permette a chi ha ricevuto il 51% dei voti di avere la maggioranza nelle assemblee.

CGIE

In Consiglio Generale degli Italiani all’estero ,se non abolito,dovra’ comunque essere completamente riformato,prevedendo pero’,all’interno un organismo autonomo e rappresentativo
dei GIOVANI  italiani all’estero,e un’altro corrispondente delle DONNE italiane all’estero.


L’EDITORIAe  le AGENZIE DI STAMPA ESTERO

Unica vera fonte giornaliera di informazione per gli italiani all’estero.
Questo inestimabile  patrimonio di quasi 800 media in lingua italiana (stampa,radio,televisioni e portali telematici)diffuso  in ogni angolo del mondo deve ottenere un giusto riconoscimento per la  sua  insostituibile funzione che colma un vuoto informativo quasi totale delle nostre Istituzioni.
Tramite loro ancora una volta ne guadagna il Made Italia nel Mondo con  un notevole apporto economico da e per l’Italia stessa.Propongo quindi una legge specifica per questi media
che possa agevolare e incrementare il loro lavoro anche con incentivi economici di ritorno con agevolazioni o anche defiscalizzazione per le pubblicita’ fatte da imprenditori o societa’ italiane che investono nei mercati esteri.

 

CONSOLATI E AMBASCIATE

Gli emigranti devono vedere nel Console che ha giurisdizione sul territorio ove si sono stabiliti,il loro naturale,leggittimo protettore ed amico.(Soc.Dante Alighieri-Vademecum dell’Emigrante-Bergamo 1911)

Senza entrare nel merito ,reputo che il il deterioramento della rete consolare diplomatica  va a svantaggio delle nostre comunita’.Si puo’ e si deve riprogrammare su nuove basi  organizzative  applicando anche  il  programma SIFC (Sistema integrato funzioni consolari).Deve essere semplificato  amministrivamente il  raccordo tra Comuni, Ministero degli affari esteri, Ministero dell'interno e rete consolare.Rivedere le assunzioni di personale co.co.co.

 

Capitoli immobili e propieta’ italiane all’estero:

Per evitare la vendita illegale delle proprieta’statali italiane all’estero,tipo qualche cordata ad hoc,e’ urgente una seria catalogazione degli immobili (ex scuole,ex consolati,ex fabbriche,ex ospedali ecc)spesso abbandonati e altre proprieta’ statali sconosciute.,Fare  eventuali progetti ristrutturazione ,riqualificazione e riutilizzazione anche con finalita’ economiche a favore della nostra Comunita’,Scuole,Ospedali,Nuove Case d’Italia.

 

UFFICI COMMERCIALI DI RAPPRESENTANZA

 

ICE  , (Istituto nazionale per il Commercio Estero) ASSOCAMERESTERO(Associazione delle Camere di Commercio Italiane all’Estero) UNIONCAMERE(Unione italiana delle Camere di Commercio Industria e Artigianato) ENIT(Ente Nazionale Italiano per il Turismo)

Anche se svolgono un egregio lavoro per imprenditori ,devono essere coordinati tra loro,e’ controproducente continuare a svolgere le loro funzioni in maniera autonoma.

Propongo  anche un FONDO  ESTERO SOLIDARIETA’ IMPRESE ESTERO  obbligatorio , per  professionisti e imprenditori che usano questi uffici commerciali all’estero calcolato sul giro dei loro affari  nelle varie nazioni

 

SCUOLE ITALIANE e ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA

 

Premessa:una commissione parlamentare in collaborazione con i rispettivi ministeri di appartenenza elaborera' una legge che preveda stretta collaborazione tra Istituti Italiani e Scuole Italiane.

 

Ancora una volta viene disattesa la Costituzione

Ogni finanziamento diretto alle scuole private è incostituzionale sotto diversi profili:L'art. 33 della Costituzione afferma infatti che "La Repubblica detta le norme generali sull'istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi."Pertanto il compito di assicurare a tutti i cittadini un'istruzione di qualità per formare i cittadini della Repubblica è assegnato alla scuola statale. Nessun altro Ente o Istituto può svolgere tale funzione di uguaglianza e libertà.Nelle scuole private non c'è libertà di insegnamento, nel senso che il docente viene reclutato in base alla sua adesione al progetto culturale della scuola stessa, e libertà di accesso, visto che lo studente deve aderire ad una precisa impostazione religiosa o filosofica.

 

ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA in particolare

 

Oltre a cercare di risolvere  in ben noti problemi riguardo al personale,gli Istituti si Cultura devono essere riconcepiti come centri di aggregazione delle nostre Comunita’ all’estero.

Devono collaborare  con le scuole Italiane ,li dove esistono.E’auspicabile l’apertura di nuove Scuole dove c’e’ una forte presenza della nostra Comunita’.E in questo senso devono essere agevolate al massimo con decreti legge le Associazioni spontanee di Italiani che come scopo principale hanno quello dell’apertura di Scuole Italiane,sull’esempio della istituenda Scuola Italiana di Londra.

Propongo quindi l’apertura di Universita’ Telematiche all’interno di tutti gli  Istituti Italiani di Cultura.,applicando il Decreto Ministeriale 17 aprile 2003(in GU 29 aprile 2003, n. 98)Che prevede Criteri e procedure di accreditamento dei corsi di studio a distanza delle universita' statali e non statali e delle istituzioni universitarie abilitate a rilasciare titoli accademici di cui all'art. 3 del decreto 3 novembre 1999, n. 509.

Inoltre per contribuire al processo di integrazione delle nuove generazioni italiane con la realta’ italiana queste universita’ telematiche saranno in diretto contatto di collaborazione con gli uffici di emigrazione delle 20 regioni italiane.

A tal fine bisogna dare completa attuazione a quanto affermato dall’art. 27 della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo in materia di istruzione del 10 dicembre 1948. Inoltre  anche l’art.. 34 della Costituzione Italiana garantisce a tutti i cittadini il diritto a ricevere quell’istruzione che contribuisca alla formazione dell’individuo ponendo tutti i capaci e meritevoli in condizioni di svolgere un ruolo utile nella società, di sviluppare la loro personalità e il rispetto per i diritti degli uomini e per le libertà fondamentali.

 

CUOCHI  ITALIANI  E RISTORATORI nel Mondo

 

Un capitolo a parte deve essere dedicato a questi italiani che in silenzio fanno onore all’Italia. Io,tra l’altro, faccio parte del GVCI gruppo virtuale cuochi italiani .(La prima e unica organizzazione spontanea dei cuochi italiani all `estero).

 Il successo planetario della nostra cucina è dovuto alla sua semplicità, alla sua inimitabilità, al fatto d'essere salutare ed economica.  Queste caratteristiche, unite alla diaspora degli ultimi 150 anni, hanno portato la nostra tradizione in tutto il mondo.Mi disturba, la violenza quotidiana su alcune tradizioni che dovrebbero esser sacre. Dogmi, non oggetto di trattative. (Beppe Severgnini-Corriere della sera).

 

E se le tradizioni sono sacre come dice Severgnini,questo si deve alla grande capacita’ professionale dei nostri cuochi nel mondo.

Tramite loro e grazie a loro decine  di attivita’ economiche legate alla gastronomia italiana nel mondo ottengono notevoli risultati economici.

Purtroppo come succede anche con altri italiani imprenditori,professionisti o con piccole imprese non sono adeguatamente assistiti dalle nostre istituzioni.

Deve essere riconosciuto il loro lavoro anche qui con un monitoraggio sul terrritorio,catalogazione e riconoscimenti ufficiali che permettano ai cuochi e ristoratori di avere uno Stato,quello italiano da cui provengono,che ne riconosca ufficialmente i meriti.

candidato estero senato sinistra arcobaleno rip. EUROPA

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)