Privacy Policy politicamentecorretto.com - Consolati, Garavini (Pd): “L’Europa vuole sostenere gli italiani all’estero. Non può essere l’Italia ad abbandonarli!”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Consolati, Garavini (Pd): “L’Europa vuole sostenere gli italiani all’estero. Non può essere l’Italia ad abbandonarli!”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento in aula affinché il Governo riveda le chiusure dei Consolati

  

“Il Governo deve rivedere le preannunciate chiusure dei Consolati. In particolare a Liegi, a Lilla e ad Amburgo queste danneggiano decine di migliaia di connazionali a cui vengono sottratti servizi essenziali.” Lo dice la deputata Pd eletta in Europa Laura Garavini intervenendo in aula sul piano di razionalizzazione della rete diplomatico-consolare.

“In Belgio, in Francia e in Germania centinaia di connazionali sono scesi in piazza per protestare contro una chiusura che mina i loro diritti. Le proteste indicano l’attaccamento degli italiani all’estero al loro paese d’origine, ma anche il fatto che non accettano di essere considerati cittadini di serie B” spiega la deputata.

“I servizi erogati dai Consolati” continua Laura Garavini “sono in gran parte servizi essenziali paragonabili a quelli offerti dai Comuni in Italia. La telematizzazione di alcune procedure è senz’altro da accogliere positivamente, ma non può sostituire le strutture stesse, soprattutto se si considera che buona parte degli utenti sono persone anziane.”

“Tra Amburgo, Liegi e Lilla le decisioni di chiusura interessano più di centomila connazionali” conclude la giovane deputata. “Non erano solo gli esponenti delle istituzioni italiane a protestare contro le chiusure, ma anche i rappresentanti della autorità locali come il sindaco di Liegi, Willy Demeyer, il sindaco di Lilla, Martine Aubry, o la giunta comunale di Amburgo. Tutti hanno garantito piena disponibilità a collaborare con il Governo italiano per trovare soluzioni alternative alla chiusura e all’abbandono di centinaia di cittadini residenti nelle loro città. L’Europa vuole sostenere gli italiani all’estero. Non può essere l’Italia ad abbandonarli!”

Roma, 30 marzo 2011

Per vedere l’intervento in aula dell’On. Laura Garavini: http://webtv.camera.it/portal/portal/default/Assemblea?NumeroLegislatura=16&NumeroSeduta=454&IdIntervento=240028

Invia commento comment Commenti (0 inviato)