Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sulla guerra di mafia e sugli inquietanti episodi contro i giovani di Adesso ammazzateci tutti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sulla guerra di mafia e sugli inquietanti episodi contro i giovani di Adesso ammazzateci tutti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Tra morti ammazzati e nuove faide di mafia  in Calabria, la nostra preoccupazione e enorme. Ma siamo certi che lo stato saprà e dovrà rispondere duramente. E’ però necessario che esploda l’indignazione della gente, dei giovani, della società civile. La mafia è il nostro nemico principale. Ma la Calabria saprà batterla definitivamente.
Un altro episodio desta grande preoccupazione. Riguarda i giovani di ‘Adesso ammazzateci tutti’.
Il 24 marzo 2008, intorno alle 19 il sito Internet del movimento antimafia “E adesso ammazzateci tutti’  è andato in tilt. Illeggibile la prima pagina, scomparsi i link alle rubriche: qualcuno è riuscito a penetrare nel server del sito, introducendo  un vero e proprio virus, con l’ordine di replicare precise istruzioni.
Aldo Pecora e alcuni giovani del movimento calabrese, nato a Locri dopo l’omicidio di Francesco Fortugno, vicepresidente del consiglio regionale calabrese, si sono subito accorti che stava accadendo qualcosa di strano .
Ma un altro episodio dei giorni scorsi risulta assai inquietante. Abbiamo avuto notizia che  Aldo Pecora è rimasto vittima di un incidente stradale sulla Salerno-Reggio Calabria avvenuto agli inizi di marzo, per il quale sono in corso delle indagini. Nell’occasione, Pecora viaggiava a bordo di un’utilitaria, insieme a Rosanna Scopelliti, figlia del giudice Antonino Scopelliti - ucciso dalla criminalità organizzata nel 1991 - e membro di “E adesso ammazzateci tutti”. Diretti a Roma dalla locride, i due si sono visti tagliare la strada più volte da un automobile, prima di finire contro un guardrail e successivamente in un ospedale della Campania. Il conducente non ha prestato soccorso ed è fuggito, per fortuna identificato dalla polizia stradale.
Atti del genere dimostrano che chi lotta per la Giustizia è sempre in pericolo.  Ma a Pecora e a Rosanna Scopelliti, insieme  agli altri giovani dei movimenti antimafia calabresi, deve giungere forte la solidarietà e il sostegno della Calabria che vuole  reagire, lottare e sconfiggere questo cancro che sta mettendo in ginocchio la nostra terra.  Ma che non potrà e non dovrà mai vincere.
 

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)