Privacy Policy politicamentecorretto.com - ENI, RECCHI NUOVO PRESIDENTE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ENI, RECCHI NUOVO PRESIDENTE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 ROMA- E’ un periodo di forti cambiamenti in campo aziendale. Eni ha un nuovo presidente, si chiama Giuseppe Recchi. 47 anni, napoletano, appartenente alla famosa famiglia torinese che nel 1933 fondò l’impresa Recchi costruzioni generali, successivamente unitasi tramite processo di fusione alla Ferrocemento di Roma nel 1999. Recchi è il secondo presidente più giovane che Eni abbia avuto nella sua storia, dopo il fondatore Enrico Mattei, 47 anni nel 1953 quando fondò la stessa Eni. Recchi, laureato in ingegneria al Politecnico di Torino, ha ricoperto in passato la carica di presidente e a.d della Recchi America Inc. E’ stato membro del cda della ex- Ifil, oggi Exor e dal 2003 è consigliere di quest’ultima. Dodici anni fa è entrato nella divisione finanziaria di General Electric e cinque anni dopo diventa presidente di Ge Italia. L’attuale azienda ha acquisito Interbanca e, durante lo stato di crisi, ha finanziato sia la vecchia Alitalia che la Cai. Recchi, in qualità di nuovo capo dell’Eni, scende in campo con un obiettivo ben preciso ovvero puntare al gas non convenzionale, ricavabile dalla fessurazione delle rocce e instaurare una stretta alleanza strategica con i paesi emergenti, fra i quali spicca in pole- position. Recchi e l’a.d Paolo Scaroni puntano a un aumento della produzione globale di oltre il 3% per i prossimi tre anni. La speranza è avere una forte crescita delle vendite, si punta al 5%. Il piano dello “shale gas” è uno dei più adatti per raggiungere questo risultato.

 

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Marco Chinicò, 12 Aprile, 2011 08:17:11
    Caro lettore Chiedo scusa per il mio piccolo errore di scrittura, ma mi preme farle presente che l'attuale Eni è stata fondata nel 1953 e all'epoca Enrico Mattei aveva 47 anni in quanto nato nel 1906. Ha fatto bene a segnalare l'errore anche se mi dispiace aver urtato la sua suscettibilità e ho subito corretto la frase del mio articolo. Anche un giovane giornalista può sbagliare, ma il codice deontologico offre a quest'ultimo la possibilità di correggere qualunque errore commesso. Spero che lei perdoni il mio errore. Le auguro buona navigazione e una buona lettura su Politicamente Corretto. Distinti saluti
  • Inviato in data Luciano Bocca, 08 Aprile, 2011 07:41:08
    Più giovane un corno! Mattei l'ha fondata prima di compierli!