Privacy Policy politicamentecorretto.com - Affidamento condiviso. Critiche AIMMF non fondate, non vogliono cambiamento

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Affidamento condiviso. Critiche AIMMF non fondate, non vogliono cambiamento

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

Dichiarazione di Donatella Poretti, parlamentare Radicale

L'Associazione italiana dei magistrati per i minorenni e per la famiglia (AIMMf) ha recentemente espresso pesanti critiche nei riguardi di un mio disegno di legge che prevede norme in materia di affido condiviso, elaborato in collaborazione con l'Associazione Crescere Insieme. E' necessario innanzitutto specificare che le critiche che i magistrati rivolgono al ddl 957 sono riferibili ad un vecchio testo e non a quello aggiornato S.2454 che mi vede prima firmataria. In realtà, la gran parte di queste critiche non appaiono molto fondate ed alcune totalmente infondate, così come si evince dalla replica ad ogni singolo punto preparata e comunicata ieri dall'Associazione Crescere Insieme e dal suo Presidente Marino Maglietta. Come dallo stesso Maglietta suggerito, l'intento dell'AIMMF, sembra essere più quello di muoversi contro un nuovo approccio di bigenitorialità e di affido condiviso previsto dai ddl in oggetto, per sostenere il mantenimento dell'attuale modello che preved
 e
l'affido esclusivo e un minor ricorso alle figure di mediazione familiare, modello che, in barba spesso al supposto e richiesto da convenzioni internazionali, interesse prioritario del minore, oltre a discriminare nella cura dei figli quei genitori cui non è dato l'affido, risulta spesso in soluzioni "preconfezionate" e non studiate nelle particolari situazioni, con interventi da parte della magistratura spesso automatici, al che si può anche comprendere perché da parte di questi la si preferisca ad un iter che fa del ricorso alla mediazione familiare una risorsa particolare di comprensione e soluzione delle difficoltà che possono sorgere in capo ad un affido condiviso.

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Pierpaolo Poldrugo, 28 Aprile, 2011 16:24:05
    Io l'ipocrita assunzione che il giudice “Adotta ogni altro provvedimento relativo alla prole con esclusivo riferimento all’interesse morale e materiale di essa” l'avrei tolta totalmente dalla legge, partendo semplicemente dalla constatazione che il giudice non ha, né ha mai avuto, né avrà la minima idea di che cosa possa consistere questo "interesse morale e materiale" della prole. Il giudice se capisce qualcosa di legge è bravo, ma del resto non possiamo onestamente pretendere. Il massimo che sia mai stato capace di produrre è: "interesse morale e materiale" = bambini alla mamma. Ma cosa possiamo, del resto, pretendere di più?