Privacy Policy politicamentecorretto.com - Circo ostaggio in Siria. Occasione per porre fine a tournée pericolose

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Circo ostaggio in Siria. Occasione per porre fine a tournée pericolose

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Dichiarazione della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicale

Le tournée all’estero dei circhi italiani, o dei numeri con animali, si stanno confermando dei veri e propri incubi per gli animali, soprattutto se queste si svolgono in Paesi che non offrono garanzie di stabilità o di una tranquilla permanenza. I proprietari del circo Embell Riva hanno nuovamente chiesto l’aiuto del ministero degli Esteri italiano per rientrare dalla Siria; il circo, appartenente alla vasta famiglia Bellucci, infatti, sarebbe bloccato nel Paese mediorientale a causa di una truffa dallo scorso 25 gennaio. L’impresario egiziano che ha curato la tournée siriana avrebbe
"venduto" il circo per poi dileguarsi e ora i circensi hanno chiesto l’aiuto della Farnesina poiché la Siria concede a solo 4 di loro di lasciare il Paese, e senza gli animali, che verrebbero abbattuti.

A questo proposito, la Lav (Lega Anti vivisezione) evidenzia come la
Farnesina, in alcune circostanze, emana avvisi che sconsigliano il turismo nei Paesi a rischio. Eppure, i turisti, decidendo di recarsi in questi Paesi contro gli inviti alla prudenza, lo fanno di propria volontà: gli animali del circo, invece, non hanno alcuna possibilità di scelta, sono assolutamente dipendenti dai loro padroni, e in caso di emergenza sono sacrificabili, per quanto a malincuore. Per queste ragioni con il collega Marco Perduca avevamo rivolto a meta' febbraio un’interrogazione ai Ministri degli esteri e delle attività culturali a cui ancora non ci era arrivata risposta, per sapere:

- se il ministero degli esteri, per quanto di sua competenza, intenda
valutare l’opportunità di emanare gli avvisi – volti ad evitare il viaggio ed il soggiorno nei Paesi a rischio – non solo ai turisti ma anche ai circhi, allo scopo di prevenire loro tournée nei Paesi a rischio;

- se il ministero dei beni e delle attività culturali sia in grado di far conoscere al Parlamento ed al Paese quanti siano gli spettacoli condotti nelle circostanze di cui sopra, e se, tra quelli destinatari dei finanziamenti del Fondo Unico della Spettacolo riservati alla promozione della tradizione circense italiana all’estero, ve ne siano di svolti in Paesi extraeuropei a condizioni che sarebbero vietate in Europa perchè particolarmente rischiose per gli animali utilizzati;

- a quali fondi ha fatto e fa ricorso la Farnesina nei casi di mobilitazioni d’urgenza di strutture circensi con animali al seguito con procedure di rimpatrio come nei casi illustrati, e se non si ritiene di dover mettere in atto ogni dispositivo utile, e quale, al fine di prevenire futuri casi analoghi.

Qui il testo dell'interrogazione:http://blog.donatellaporetti.it/?p=2019

Sen. Donatella Poretti - Parlamentare Radicali -Partito Democratico
Roma, Palazzo Cenci, piazza Sant'Eustachio 83, tel.0667063265, fax 0667064771
Firenze, via Cavour 68, Tel. 0552302266 Fax 0552302452
Cellulare: 336252221
mailto: poretti_d@posta.senato.it
Sito Internet: www.donatellaporetti.it

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)