Privacy Policy politicamentecorretto.com - ITALIANI NEL MONDO. TUTTI I PARTITI DELL’OPPOSZIONE CHIEDONO AI PROPRI CAPIGRUPPO AL SENATO DI DIALOGARE COL CGIE

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ITALIANI NEL MONDO. TUTTI I PARTITI DELL’OPPOSZIONE CHIEDONO AI PROPRI CAPIGRUPPO AL SENATO DI DIALOGARE COL CGIE

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

“Chiediamo di evitare di dare l’impressione che le decisioni siano prese e gli atti siano ormai compiuti; vi esortiamo, quindi, a non rinviare in Aula la bozza Tofani prima dello svolgimento dei lavori di Torino dal 18 al 20 maggio prossimi, e ad aprire una fase di dialogo vero con il CGIE, non puramente formale, come è avvenuto sino ad ora e di non procedere all’approvazione della legge prima che questo quadro unitario si sia ricomposto”.
Questa, in sostanza, la richiesta contenuta in una lettera inviata ai capigruppo dell’opposizione al Senato dai responsabili politici per gli italiani all’estero di PD, FLI, IDV, MAIE-UDC e SEL, in vista della prossima Assemblea plenaria del CGIE che si terrà in settimana a Torino.
“Noi stessi riteniamo utile – si sostiene congiuntamente nella lettera – coinvolgere preventivamente i rappresentanti del CGIE riuniti in questo particolare e simbolicamente alto momento storico a Torino, in un confronto sulla legge di riforma dei Comites e CGIE in discussione in questi giorni alla Commissione Affari esteri e che fino a oggi è probabilmente mancato”.
“Siamo certi che – continua la lettera – dopo un reale e sincero confronto istituzionale sulla riforma, si potrà uscire da una impasse e da un clima di contrapposizione e mancanza di dialogo che dura ormai da troppo tempo e che non giova a nessuno: né al Parlamento, né al CGIE, né agli italiani all’estero”.
A firmare la lettera sono Aldo Di Biagio, Responsabile italiani nel mondo FLI, Eugenio Marino, Responsabile italiani nel mondo PD, Ricardo Merlo, Responsabile italiani nel mondo MAIE-UDC, Niccolò Rinaldi, Responsabile italiani nel mondo IDV, Guglielmo Zanetta, Responsabile italiani nel mondo SEL.


Partito Democratico

Sede Nazionale

Ufficio Italiani nel Mondo

Adriana Leo

COMUNICAZIONE

Tel. 0667547222

Cell. 3206196537

 

Invia commento comment Commenti (3 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella , 11 Maggio, 2011 21:10:36
    Toc, Toc ..c'e' nessuno?? Macche' Rosa' questi credono gia' di essere al Governo! Almeno uno di loro si crede gia' in parlamentare!
  • Inviato in data Carmine Gonnella , 11 Maggio, 2011 16:52:49
    In altre parole cari sinistroidi la vodtra filosofia e che tutto deve rimanere come prima Allora vi vedro' di nuovo a Monte Citorio nel 2023 E' una previsione
  • Inviato in data rosario cambianor, 11 Maggio, 2011 16:12:56
    In sostanza solo quelli che hanno gli amici che hannno paura della legge.