Privacy Policy politicamentecorretto.com - Occhio per occhio, sentimenti e ragione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Occhio per occhio, sentimenti e ragione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Nella rubrica lettere del Corriere della Sera  del 17 maggio, leggo: "In Iran un criminale getta l'acido sul volto di una ragazza, deturpandola e accecandola; la sentenza ha stabilito che anche lui subisca la stessa sorte. Le belle anime di Amnesty si indignano, ma in certi casi  la norma «occhio per occhio» rappresenta l'unica riparazione per un gran torto subito; le rieducazione viene dopo". Se ascoltassi i miei sentimenti, per me quell'uomo meriterebbe non solo di subire la stessa sorte, ma anche d'essere torturato e magari fatto a pezzettini. Ma la ragione mi dice altro. Uno stato non può basare le sue leggi sui sentimenti. Se riteniamo orribile un'azione, non possiamo commettere la stessa azione. Lo stato non può comportarsi da criminale con i criminali. In qualche modo si rende l'azione nefanda meno nefanda, giacché qualcuno può ripeterla, sebbene con uno scopo diverso. Lo stesso discorso vale per la pena di morte. Lo stato non può comportarsi da assassino con gli assassini, anche se diverse sono le ragioni del suo omicidio.
Elisa Merlo

Invia commento comment Commenti (0 inviato)