Privacy Policy politicamentecorretto.com - Riuscito congresso sull’epatologia. Si è tenuto in Puglia, a Massafra

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Riuscito congresso sull’epatologia. Si è tenuto in Puglia, a Massafra

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Si è tenuto nei giorni scorsi scorso presso l’Appia Palace Hotel il Congresso sui “Percorsi diagnostici e terapeutici in epatologia” (patrocinio Azienda Sanitaria Locale Taranto – Regione Puglia) coordinato dal dott. Remo De Carne (direttore S.C. Medicina Interna. P. O. Occidentale ASL TA) e dal dott. Antonio Termite (responsabile Ambulatorio di Epatologia ed Ecografia Internistica P.O. Occidentale ASL TA). Dottori che sono stati anche presidenti del Corso scientifico valido come ECM (educazione continua in medicina), al quale hanno partecipato (come programmato) 70 medici chirurghi (specialisti in medicina generale, gastroenterologia, medicina interna, malattie infettive) e 30 infermieri professionali. Il congresso si è aperto con i saluti del direttore medico del P.O. Occidentale ASL TA, dott. Michele Lonoce, e del direttore sanitario dell’ASL TA,  dott. Vito Fabrizio Scattaglia, e con la presentazione del corso da parte del dott. Antonio Termite.
Nelle tre le sezioni del congresso, moderate, rispettivamene dal dott. Francesco Resta (direttore S.C. malattie infettive – P.O. “S. G. Moscati” di Taranto), dott. Reno De Carne (direttore S.C. Medicina Interna - P. O. Occidentale ASL TA) e dott. Vincenzo Ostilio Palnieri (professore associato di medicina interna – Clinica media “A. Murri” - Azienda Ospedaliero Universitaria Consorziale Policlinico di Bari), sono stati affrontati temi di particolare attualità, come la diagnosi e la terapia dell’epatite C e delle epatopatie metaboliche.
 Il primo relatore è stato il dott. Antonio Termite (anche coordinatore scientifico del congresso) che ha parlato della terapia dell’epatite B finalizzata a migliorare la sopravvivenza e la qualità di vita dei pazienti, impedendo l’evoluzione delle epatologie in stadi più avanzati di malattie  come la cirrosi e l’epatocarcinoma. La dottoressa Teresa Santantonio (direttore U.O.C Malattie Infettive – Azienda Ospedaliero Universitaria OO.RR. Foggia) ha affrontato il problema della riattivazione dell’epatite B nel paziennte immuno compresso, mentre la dott. Alessandra Mangia (responsabile U.O.D. di Epatologia – Ospedale “Casa Sollievo della Sofferenza” IRCCS di San Giovanni Rotondo/FG) ha tenuto una relazione sul presente e sul futuro dell’epatite C, dicendo, fra l’altro, che è in fase di studio un farmaco innovativo per il trattamento dei pazienti affetti da Epatite C che possa controllare in modo efficace l'infezione virale. Il dott. Egidio Di Todaro (reponsabile S.S. Malattier dell’apparato digerente. P.O. Occidentale ASL/TA) ha fatto quadro clinico e terapico della steatosi epatica non alcolica (Non Alcoholic Fatty Liver Disease, NAFLD) ritenuta in passato come una condizione benigna, ma che in realtà può assumere un decorso evolutivo progredendo attraverso una fase infiammatoria definita steatoepatite non alcolica (Non Alcoholic Steato-Hepatitis, NASH) fino alla fibrosi, alla cirrosi e perfino all’epatocarcinoma. Il dott. Vincenzo Ostilio Palmieri ha affrontato nella sua relazione la sindrome epato-renale (SER) che è una complicanza comune nel paziente affetto da cirrosi in stadio avanzato e ascite. Lo stesso relatore si è soffermto sulla gestione dello scompenso ascitico nel cirroso. Sull’epatocarcinoma che può verificarsi sia in soggetti esenti da malattia epatica che in pazienti affetti da malattia epatica cronica (soprattutto cirrosi), si è soffermato il dott. Fernando Sogari (Direttore S.C. Medicina Interna – P.O.C. “SS. Annunziata” di Taranto), affernando, tra l’altro, che l'epatocarcinoma è un tumore subdolo e, a differenza d’altri tumori maligni, ha spesso un decorso lento e difficilmente dà localizzazioni secondarie (metastasi) in altri organi. Ha terminato gli interventi del congresso con la sua relazione “Gestione post trapianto del paziente HCV/HBV positivo” la dott.ssa Maria Rendina (Ambulatorio trapianti di fegato -. U.O. Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva – Azienda Ospedaliero - Universitaria Consorziale – Policlinico di Bari). Prima della chiusura dei lavori, (curati dalla segreteria organizzativa Meeting Planner srl di Bari), discussione e questionario di valutazione ECM (Nella foto una veduta esterna dell’Appia Palace Hotel che ha ospitato il Congresso).

Invia commento comment Commenti (0 inviato)