Privacy Policy politicamentecorretto.com - Scioglimento del civico consesso di Corigliano per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Scioglimento del civico consesso di Corigliano per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Fin dal 20 settembre 2010, a seguito dell’operazione denominata “Santa Tecla”, ho chiesto al Ministro dell’Interno di avviare le procedure utili per decretare lo scioglimento del civico consesso di Corigliano per infiltrazione e condizionamento di tipo mafioso.
Il 27 settembre 2010 è approdata nel Comune di Corigliano la Commissione d’Accesso e ad oggi non è dato sapere il risultato dei lavori di tale Commissione.
La relazione della DNA, relativamente alle infiltrazioni della ‘ndrangheta nei circondari di Corigliano e Rossano, riporta esattamente; “In particolare, attraverso Franco e Mario Straface, fratelli dell’attuale Sindaco di Corigliano, la quasi totalità delle commesse edili pubbliche e private della zona sono controllate dalla organizzazione…” e prosegue: “Nel corso delle investigazioni sono emersi palesi fenomeni di infiltrazione del gruppo mafioso nella vita istituzionale del Comune di Corigliano, la cui vita è stata condizionata sia mediante interventi sulla precedente giunta comunale che attraverso il diretto intervento nella più recente campagna elettorale”.
Conoscendo la serietà con la quale opera il Ministro dell’Interno Roberto Maroni, trovo davvero assurdo che dopo oltre un anno e mezzo, si taccia su quella Amministrazione e su quel Consiglio Comunale, facendo rivivere il “caso Fondi”


On. Angela NAPOLI
Componente Commissione parlamentare Antimafia

Invia commento comment Commenti (0 inviato)