Privacy Policy politicamentecorretto.com - Parole dette, parole scritte

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Parole dette, parole scritte

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Le parole dette non sono come le parole scritte. Esse sono inquinate dai rumori, dalle emozioni e dalle intonazioni. Quelle scritte meglio rappresentano quello che pensiamo. E’ meglio, si conviene così per non rendere banale il contenuto di un messaggio. Ti lascio un impegno dovessi andarmene. Ti lascio un numero, un compito. E sarai tu a portarlo a termine nella maniera migliore che crederai ma senza lasciare dubbi in nessuno.
Non serve allora parlare tra gli umori ed i suoni della voce, i respiri e le pause. 
Le parole scritte.
Lasciamo che siano esse a dettare la maniera di arrivare direttamente al punto. Stabiliamo però i confini. Alcuni confini anche se infiniti ma stabiliamoli per poterci girare dentro con tutti i mezzi ma a tappe illudendoci di avere in mano qualcosa come una mappa che descriva e nasconda un segreto. Possiamo rendere importante la nostra banalità anche se solo per noi stessi e per nessun altro tranne quanti vorranno (?) senza pretendere però né cambiamenti né correzioni.
Stabiliamo la ragione d’essere vincolandola vicendevolmente e avrà un senso non senza aver dato prima la propria vita in regalo agli affetti insuperabili.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)