Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

URBANISTICA, CIOCCHETTI: DA NUOVA COMMISSIONE REGOLE CERTE ENTRO 6 MESI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Roma, 13 GIU - "Vogliamo fare una legge snella, una normativa davvero semplificata. E' questo l'obiettivo che dovrà guidare la commissione incaricata di redigere il testo unico sull'urbanistica e l'edilizia nella regione Lazio.” -  Lo dice il vice presidente e assessore all’urbanistica della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti, che questa mattina, ha presieduto la prima riunione della neonata commissione presso gli uffici regionali di via del Giorgione.

Una commissione, che si è ritrovata per la prima volta intorno ad un tavolo, formata  da architetti e avvocati, esperti del settore che  avranno 6 mesi di tempo per realizzare un nuovo tomo che regoli e semplifichi l'urbanistica, la paesistica e la tutela nel Lazio. A guidare questo pool di esperti è il Prof.  Vincenzo Gagliani Caputo.

“E’ importante – continua Ciocchetti - procedere ad una opera di riordino dei numerosi provvedimenti legislativi regionali riguardanti la materia urbanistica ed edilizia riunendoli in un “testo Unico”, per una più facile interpretazione ed applicazione anche in analogia a quanto è recentemente avvenuto in sede di legislazione nazionale per materie omogenee (Beni Culturali Ambientali, Edilizia, Espropiazione)."

“Al termine del lavoro - ha concluso - sarà redatta una normativa strutturale definita all'interno di un testo unico". L'obbiettivo è quello di semplificare e di raccordare tutti i comuni e le province per stabilire con esattezza cosa si può e cosa non si può fare, ma sempre mettendo al centro la tutela, l'ambiente e le infrastrutture.”

Invia commento comment Commenti (0 inviato)